cumuli di spazzatura a Villagonia

“Paghiamo le imposte dovute al Comune di Taormina, tra cui la tassa di soggiorno e la tassa sulla spazzatura ma per tutta risposta il Comune ci lascia cumuli di spazzatura in prossimità dell’albergo e soprattutto non c’è attenzione per Villagonia, abbandonata al peggiore degrado ambientale”. Lo afferma Antonio Venerando Messina, proprietario dell’Hotel Corallo di Taormina, che così preannuncia la volontà di avviare “un’azione legale per “danno economico e d’immagine” nei confronti della casa municipale, alla quale viene contestato di non provvedere alla raccolta dei rifiuti nelle adiacenze della nota struttura alberghiera, sita nella frazione di Villagonia.

Discarica a cielo aperto. “Ho sollecitato dal 20 aprile scorso sia il Comune di Taormina che la ditta incaricata a rimuovere la spazzatura depositata a Villagonia nelle adiacenze della nostra struttura – spiega Messina -, ma tutto si è rivelato inutile. Si è creata praticamente una discarica a cielo aperto, con rifiuti di ogni genere accatastati per strada. A questo punto consulterò i miei legali, e valuteremo le opportune azioni da intraprendere per tutelarci e per evidenziare il danno sia economico che d’immagine che stiamo continuando a subire. Non è giusto che a fronte dei tributi pagati poi sia questo il servizio, anzi il disservizio che ci dà il Comune. Noi chiediamo soltanto di poter fare il nostro lavoro nelle giuste condizioni, senza essere penalizzati in questo modo”.

Segnalazioni senza risposta. “Già da anni – aggiunge Messina – segnaliamo la situazione di degrado totale della frazione di Villagonia, specialmente della piazzetta che versa in uno stato pietoso. Basterebbero anche delle piccole manutenzioni se si intervenisse subito ma se poi non vengono fatte mai, è chiaro che i costi aumentano. Noi diamo un servizio non soltanto alla clientela ma alla città di Taormina, e non è ammissibile che ci sia questo degrado ambientale e strutturale, strade dissestate e verde a dir poco trascurato. Abbiamo anche segnalato lo scorso anno alle autorità competenti che in questa zona proprio il degrado in essere favorisce la presenza e l’azione di spacciatori che raggiungono questa zona di Villagonia per porre in essere la loro attività. Chiediamo una svolta, così non si può andare avanti, auspichiamo un cambio di rotta per la frazione di Villagonia che da troppi anni versa in condizioni inadeguate e che andrebbe invece tenuta in modo certamente diverso e con tutt’altra cura”.

© Riproduzione Riservata

Commenti