la tassa di soggiorno porta quasi 3 mln nelle casse del Comune di Taormina

“Sono 1.020 i comuni italiani che applicano l’imposta di soggiorno (997) o la tassa di sbarco (23), con un gettito complessivo che nel 2019 si avvia a doppiare la boa dei 600 milioni di euro”. Lo ha dichiarato il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, nel corso della relazione di apertura della 69a assemblea generale di Federalberghi, in queste ore in corso a Capri, con la partecipazione del Ministro del Turismo, Gian Marco Centinaio.
“A quasi 10 anni dalla reintroduzione del tributo – afferma Bocca – dobbiamo purtroppo constatare di essere stati facili profeti. La tassa viene introdotta quasi sempre senza concertare la destinazione del gettito e senza rendere conto del suo effettivo utilizzo. Qualcuno racconta la storiella dell’imposta di scopo, destinata a finanziare azioni in favore del turismo. In realtà è una tassa sul turismo, il cui unico fine sembra essere quello di tappare i buchi dei bilanci comunali”.

Il caso Taormina. La questione della tassa di soggiorno che nei fatti è diventata un’imposta “salva bilanci” infiamma ormai da tempo il dibattito anche in Sicilia, ed in particolare a Taormina, dove il balzello in vigore dal 2013 frutta ormai quasi 3 milioni di euro all’anno al Comune. Nella Perla dello Ionio l’Associazione Albergatori-Federalberghi Taormina, presieduta da Italo Mennella, da tempo è impegnata in una battaglia finalizzata proprio al corretto utilizzo della tassa per il turismo e non per esigenze inerenti gli equilibri dell’asfittica condizione in cui versa il bilancio comunale. A tal proposito la questione è stata già posta all’attenzione della Corte dei Conti con un esposto che risale al 2015 e una recente nota dello scorso febbraio.

I paradossi del quadro normativo. “Negli ultimi tempi il quadro si è aggravato per effetto di un apparato sanzionatorio paradossale, che noi chiediamo di modificare, che tratta allo stesso modo chi si appropria indebitamente delle risorse e chi sbaglia i conti per pochi euro. Chi paga con qualche giorno di ritardo e chi non ha mai versato quanto riscosso“. “Non è tollerabile – conclude Bocca – il far west che si registra nel settore delle locazioni brevi. La legge ha stabilito che i portali devono riscuotere l’imposta di soggiorno dovuta dai turisti che prenotano e pagano attraverso le piattaforme, ma Airbnb assolve a tale obbligo solo in 18 comuni su 997. Per di più, queste amministrazioni, allettate dalla prospettiva di nuovi introiti, si sono rese disponibili a sottoscrivere un accordo capestro, accettando un sistema di rendicontazione sostanzialmente forfettario, che non consente un controllo analitico e induce a domandarsi se non si configurino gli estremi di un danno erariale”.

I dati nazionali. La settima edizione dell’indagine sull’imposta di soggiorno, realizzata dal Centro studi di Federalberghi con la collaborazione di NMTC, analizza nel dettaglio la materia, sulla base di tutte le delibere dei Comuni. Di seguito, alcuni dei risultati dell’analisi. Sono 1.020 i comuni italiani che a maggio 2019 applicano l’imposta di soggiorno (997 comuni) o la tassa di sbarco (23). Tali comuni, pur costituendo “appena” il 13% dei 7.915 municipi italiani, ospitano il 71% dei pernottamenti registrati ogni anno in Italia (62,2% dei pernottamenti dei turisti italiani e 76,9% degli stranieri). I 1.020 comuni si distribuiscono per il 26% nel nord ovest, il 41,2% nel nord est, il 15,5% nel centro e il 17,3% nel mezzogiorno. Il 31,6% dei comuni che applicano l’imposta di soggiorno (315 su 997) sono montani. Seguono le località marine, con il 19,7% (196), quelle collinari con il 16,1% (161).

Gettito in aumento. Le città d’arte sono “solo” 104, ma comprendono le cosiddette capitali del turismo italiano, che muovono grandi numeri. Le destinazioni lacuali sono 96 e quelle termali 40. Nel 2017 (ultimo anno per il quale sono disponibili i dati ufficiali), i comuni italiani hanno incassato circa 470 milioni di euro a titolo di imposta di soggiorno e imposta di sbarco. Il dato sulla tassa di soggiorno risulta, secondo quanto evidenzia Federalberghi, in progressivo aumento: il gettito nazionale accertato era di circa 162 milioni di euro nel 2012 e 403 milioni nel 2015. Per il 2019, il gettito si può stimare un introito di oltre 600 milioni di euro. Il trend è generato sia dalla costante crescita del numero di comuni che applicano l’imposta (oggi sono in tutto 1.020, erano 332 a luglio 2012) sia dai cospicui aumenti delle tariffe.

© Riproduzione Riservata

Commenti