Poste a Trappitello in via Francavilla

Indagini serrate in corso dei Carabinieri della Compagnia di Taormina sulla tentata rapina all’Ufficio Postale di Trappitello. Nella popolosa cittadina taorminese sono infatti entrati in azione nella giornata di lunedì scorso quattro malviventi armati, a volto coperto. I quattro avevano rubato una Fiat Punto a Giardini Naxos e da lì si sono diretti verso la vicina frazione taorminese dove hanno tentato di assaltare l’Ufficio Postale di Via Francavilla. La banda si è mossa nella tarda mattinata, circa 30 prima della chiusura dello sportello di Poste Italiane.

Il raid. I quattro hanno provato ad accedere all’ufficio postale dall’ingresso principale ma non ci sono riusciti, e in quegli stessi istanti il direttore dell’ufficio ha compreso l’intenzione di tali soggetti e ha chiuso subito gli ingressi. A quel punto non è rimasto altro da fare che darsi alla fuga ai componenti della banda, braccati anche da un carabiniere in borghese che in quello stesso momento si è accorto di quanto stava avvenendo e ha subito chiamato la centrale operativa dei Carabinieri della Compagnia di Taormina. Il militare si è posto all’inseguimento dei rapinatori e poco dopo sul luogo della tentata rapina sono giunti i carabinieri della Stazione di Giardini Naxos. L’auto con la quale i rapinatori erano entrati in azione è stata abbandonata al cimitero di Trappitello.

Le indagini. La vettura è stata adesso posta sotto sequestro dai Carabinieri. I militari sovrintesi dal Comandante Arcangelo Maiello si sono già attivati per trasmettere ai Carabinieri del Ris di Messina alcuni reperti dai quali potrebbero emergere tracce di dna dei malviventi. Sempre in queste ore sono stati attivati alcuni controlli con dei posti di blocco per stringere il cerchio attorno ai fuggitivi. I malviventi sono ancora in fuga ma vengono braccati dai militari dell’Arma. Tra le piste al vaglio degli inquirenti si valuta l’ipotesi che possa essersi trattato di un raid compiuto da una banda in trasferta, forse proveniente dall’etneo.

© Riproduzione Riservata

Commenti