l'hotel San Domenico Palace di Taormina

Il Comune di Taormina, con apposita determina dirigenziale avente per oggetto “permesso a costruire relativo ai lavori di ristrutturazione dell’Hotel San Domenico Palace”, ha ultimato nelle scorse ore l’iter autorizzativo avviato nel 2018 per il maquillage della struttura alberghiera. La determina a firma del responsabile dell’Utc, l’ing. Massimo Puglisi, riaccende i riflettori sull’albergo simbolo della città, che dallo scorso anno ormai, è chiuso per lavori di ristrutturazione e ammodernamento.

I tempi per la riapertura. Le opere sembravano destinate a poter portare alla riapertura già in questa stagione turistica alle porte ma al momento c’è incertezza sulle esatte prospettive e quindi su quando potrà riaprire la rinomata struttura. I lavori nei mesi recenti hanno avuto un rallentamento e ci sono state le vicissitudini giudiziarie che hanno riguardato la proprietà dell’hotel. La riapertura del “San Domenico” avverrà probabilmente nella stagione 2020 ed intanto proseguiranno i lavori.

Iter completato. La determina di queste ore riguarda le opere in atto per la realizzazione di una spa e le opere interne e, come detto, va a completare il procedimento autorizzativo iniziato dagli uffici comunali nei mesi scorsi. Il Comune già con relativa deliberazione di Consiglio Comunale del 20/12/2018 aveva espresso parere favorevole in merito al “progetto di ristrutturazione del Grand Hotel San Domenico (variante stralcio)”, ha ora dato l’ok alla demolizione e ricostruzione dei locali in via Bonifacio.

Il nuovo Ad. La casa municipale ha preso atto adesso della comunicazione di nomina del nuovo amministratore unico e legale rappresentante della società “Taormina Hotel Property srl”, il dott. Giuseppe Botta, giunta nei giorni scorsi a Palazzo dei Giurati. E’ stato, inoltre, riscontrato che sono già avvenuti in modo regolare il versamento degli oneri concessori dovuti per il rilascio del permesso a costruire, ed anche quanto riguardante i diritti di Segreteria.

L’attesa dei lavoratori. “I lavori – ha comunicato il Comune nel permesso rilasciato – dovranno essere ultimati entro tre anni dalla data dell’inizio e cioè il 09/10/2021”. L’aspettativa di tutti, ovviamente, è che invece il “San Domenico” possa riaprire molto presto, tornando ad occupare quel ruolo centrale che la storia gli riconosce sia nell’ambito del turismo a Taormina che in generale in Sicilia. L’attesa è anche e soprattutto quella dei lavoratori che stanno seguendo con trepidazione gli sviluppi della vicenda, sperano che i lavori arrivino a compimento al più presto e quindi di poter rientrare in servizio al “San Domenico”.

© Riproduzione Riservata

Commenti