il parcheggio Porta Catania

E’ di nuovo “alta tensione” tra Asm e Comune. L’Azienda municipalizzata dà l’ok a una fiera al parcheggio Porta Catania ma il Comune stoppa tutto e il sindaco Mario Bolognari scrive al liquidatore Agostino Pappalardo per esprimere il suo disappunto. L’evento – “Fiera della primavera” si sarebbe dovuto svolgere con 20 stand dal 19 aprile al 5 maggio nella terrazza del posteggio sud di Taormina. “Vengo a conoscenza per caso di questa iniziativa – spiega Bolognari – e ritengo grave che gli organizzatori non abbiano sentito la necessità di chiedere il parere del Comune ma altrettanto grave che l’Asm non abbia minimamente interloquito con gli organi politici che amministrano la città. Asm non è una repubblica separata e deve seguire gli indirizzi generali, che su questo tipo di manifestazioni è chiaro: in periodi di festa non sono gradite. La fiera va immediatamente sospesa e rinviata a data da destinare”.

Nessun parere. “Non mi risulta che il sottoscritto e il Suap abbiano rilasciato alcun parere in merito. a questo evento – scrive Bolognari -. La determinazione del liquidatore Asm non configura alcuna autorizzazione e/o provvedimento conclusivo del procedimento amministrativo relativo allo svolgimento della fiera in oggetto. Abbiamo più volte ribadito che lo svolgimento di manifestazioni di spettacolo, attività di vendita o anche soltanto di esposizione devono necessariamente essere sottoposte al vaglio degli organi responsabili della sicurezza e del decoro urbano del territorio comunale”.

Ente strumentale. “Le valutazioni al riguardo – continua Bolognari – sono da attribuire al sindaco, al quale i cittadini hanno assegnato il compito di vigilare sul corretto andamento delle attività di pubblica fruizione che si svolgono su suolo pubblico comunale. Anche gli spazi assegnati alla competenza Asm devono considerarsi e sono spazi pubblici”. “Asm – conclude Bolognari – è ente strumentale del Comune ed è tenuta ad uniformarsi agli indirizzi determinati dal Consiglio Comunale, la cui vigilanza e verifica della corretta esecuzione spetta al sindaco e alla Giunta. Inoltre la concomitanza con Pasqua e i ponti del 25 aprile e 1 maggio rende incompatibile la fiera con le esigenze di ordine, pulizia e sicurezza della città. Si diffida dal rilasciare autorizzazioni che contrastino con gli indirizzi dell’Amministrazione”.

© Riproduzione Riservata

Commenti