lotta all'abbandono dei rifiuti a Taormina

“La raccolta rifiuti a Taormina va avanti con importanti segnali di miglioramento della situazione. Si registrano diversi episodi di inciviltà ma non esiste nessun caos come vorrebbe invece far credere l’opposizione”. Il monito arriva dall’assessore Enzo Scibilia che così risponde agli attacchi dell’opposizione. Proprio in queste ore è in corso la distribuzione del kit per il porta a porta che scatterà dal 1 aprile. Il servizio viene svolto dalla ditta “Onofaro” di Naso, in attesa della definizione della gara Aro, dove l’appalto da quasi 22 milioni è stato aggiudicato in via provvisoria a una ditta di Angri, la Tekra, e con la seconda classificata che è proprio la Onofaro.

Sequestrato il Ccr. “Sulla raccolta rifiuti – afferma Scibilia – il Comune oggi sta portando avanti il piano Aro, che certamente non è stato fatto da noi. Non stiamo inventando nulla. E’ giusto e doveroso dire che i Carabinieri hanno chiuso il Ccr (Centro Comunale di Raccolta) che non era in regola, era privo delle necessarie documentazioni e che non era stato aperto da noi. Adesso stiamo cercando di mettere tutto in regola con l’Arpa e con gli enti preposti, per le autorizzazioni. Una struttura di tale importanza non era nemmeno in regola con il deflusso delle acque. Si sta soffrendo perché i cittadini non possono buttare al momento gli ingombri, il materiale inerte, e a tal riguardo abbiamo trovato nelle scorse ore 2 mila e 800 kg in alcuni cassonetti di Taormina e sono stati fatti dei verbali”.

Lotta all’inciviltà. “La differenziata è ripartita lo scorso settembre – prosegue Scibilia -, l’abbiamo estesa alle frazioni ed è stata riorganizzata in centro. Oggi siamo arrivati al 50% di raccolta. Se qualcuno ha dei dubbi i report sono consultabili, così come sappiamo chi ancora non fa la raccolta differenziata. La nuova ditta si sta impegnando e sta operando bene. Certamente metteremo a punto dei sistemi di premialità per chi fa bene la differenziata, e a cui va dato merito rispetto agli incivili. Sono convinto che si possa attuare un ulteriore risparmio sulla spesa del servizio e tenere pulita la città. Ancora oggi, tuttavia, assistiamo in Corso Umberto a scene di alcuni commercianti che depositano la spazzatura dopo che il mezzo della ditta è già transitato. Mai generalizzare e non voglio dire che tutte le persone siano incivili ma da questo momento non sarà più tollerato che il conferimento avvenga fuori orario, come nel caso di chi conferisce alle 11 del mattino sul Corso o di chi butta la spazzatura alle ore 19 in via Teatro Greco. Per i casi di abbandono dei rifiuti verificatisi a più riprese nelle aree periferiche della città da questo momento saranno attive le foto-trappole installate in alcune zone e potremo così accertare chi si rende autore di questi ignobili atti di inquinamento del territorio”.

© Riproduzione Riservata

Commenti