“Sul bilancio 2017 che aveva soltanto 2 milioni di euro di accantonamenti per il fondo contenzioso era stato dato parere favorevole dai revisori dei conti del Comune di Taormina, invece su quello 2018 nel quale abbiamo fatto un lavoro analitico ed inserito 13 milioni di accantonamenti, è stato dato parere negativo. Stesso discorso è accaduto su Asm, nonostante l’atto di indirizzo fatto da questa Amministrazione comunale per far uscire l’azienda dalla liquidazione. E’ venuto a mancare un rapporto fiduciario tra il sottoscritto e i revisori dei conti. A quel punto c’erano due sole strade percorribili: o mandare a casa i revisori oppure doveva essere l’assessore stesso a prenderne atto e lasciare l’incarico. E allora, poiché i revisori non possono andare a casa, l’unica soluzione che rimaneva era quella di assumermi io le responsabilità politiche e dimettermi. Di fronte a una situazione del genere mi prendo le mie responsabilità, nonostante siano state fatte in questi mesi cose importanti per mettere in sicurezza i conti a fronte della pesante eredità lasciataci dall’Amministrazione Giardina”. Lo ha dichiarato l’assessore al Bilancio, Giuseppe Caltabiano che ha spiegato oggi in conferenza stampa, i motivi del suo addio alla Giunta. Insieme a Caltabiano, le cui dimissioni sono irrevocabili, c’era anche il sindaco Mario Bolognari che nei prossimi giorni nominerà il nuovo assessore.

© Riproduzione Riservata

Commenti