l'assessore alle Politiche Finanziarie, Giuseppe Caltabiano

L’assessore alle Politiche Finanziarie del Comune di Taormina, Giuseppe Caltabiano si è dimesso. L’atto di rinuncia all’incarico è stato protocollato stamattina a Palazzo dei Giurati. Il gesto dell’assessore si sarebbe concretizzato dopo la decisione del Collegio dei Revisori dei Conti del Comune di non modificare il parere negativo dato nei mesi scorsi al bilancio 2018-20 e al Dup (Documento unico di programmazione) nel quale si rilevavano alcune criticità sullo stato dell’ente locale, in particolare sul contenzioso e sulle partecipate. La Giunta comunale aveva esitato nei giorni scorsi proprio una delibera a correzione ed integrazione del bilancio 2018-20, ed era stata rivisitata, in particolare, la parte che attiene la copertura per affrontare il rischio legato ai contenziosi che affliggono Palazzo dei Giurati, che rappresentano una potenziale “spada di Damocle” per il forziere comunali poiché si tratta di giudizi ancora pendenti.

La delibera a modifica e integrazione. “Il fondo contenzioso da accantonare – spiega nella recente delibera l’assessore al Bilancio, Giuseppe Caltabiano – è stato quantificato in 13 milioni 386 mila euro. Nel dettaglio: per l’anno 2018 sono stati previsti 4 milioni 554 mila euro, per l’anno corrente 2019 2 milioni 217 mila euro, e per l’anno 2020 Un milione 614 mila euro”.  L’avanzo presunto di amministrazione per il 2017 è di 5 milioni di euro. Secondo l’Esecutivo “la previsione di spesa per gli anni 2018, 2019 e 2020 per interessi passivi e oneri finanziari diversi è congrua e rispetta il limite di indebitamento previsto”. “Sulla base del grado di rischiosità del contenzioso e sulla stima fornita dai legali sul pericolo di soccombenza per l’ente, comprensivo del valore dei giudizio e del singolo tasso di accantonamento per il grado di rischio elevato e comunicato dai legali incaricati dal Comune – continua l’atto -, è stata prevista una quota di accantonamento, pari a 13 milioni 386 mila euro, su un valore totale di giudizi pendenti (e non inseriti nel Piano di riequilibrio) pari a 29 mila 46 mila euro”.

Domani conferenza stampa. Sulla situazione faranno adesso chiarezza martedì mattina a Palazzo dei Giurati, nel corso di un’apposita conferenza stampa, il sindaco Mario Bolognari e l’assessore Caltabiano.

© Riproduzione Riservata

Commenti