i mezzi della Tekra di Angri (Salerno)

Dopo un lungo iter è stata effettuata all’Urega l’aggiudicazione provvisoria dell’appalto da quasi 22 milioni di euro per l’Aro Taormina, per l’individuazione cioè della società che dovrà gestire nei prossimi anni il servizio di raccolta rifiuti nella Perla dello Ionio. La commissione di gara ha indicato l’aggiudicazione provvisoria del bando all’impresa Tekra di Angri (Salerno), mentre seconda classificata è risultata la ditta Onofaro Antonino di Naso (Messina). Proprio la seconda classificata nella gara Aro, la Onoraro, è l’impresa che attualmente svolge in via provvisoria il servizio di raccolta rifiuti a Taormina e che dal 18 febbraio scorso ha preso il posto della Mosema di Mascalucia, con incarico conferito dal Comune di Taormina “fino all’avvio definitivo dei nuovi servizi del piano Aro Taormina, e comunque non oltre il 31 maggio 2019”.

Appalto da 21,9 milioni. A conclusione di una procedura che a un certo punto sembrava essersi arenata, si sblocca quindi la gara per l’Aro Taormina, e a questo punto da qui a qualche mese, non appena sarà poi avvenuta l’aggiudicazione definitiva, dovrebbe scattare la futura gestione della raccolta rifiuti in città che si protrarrà per i prossimi 7 anni. All’Urega Messina si è svolta sin qui una procedura da 21 milioni 987 mila 643 euro (base annua 3 milioni 141mila e 91 euro), alla quale hanno preso parte 12 ditte.

Iter tormentato. Il presidente della Commissione di gara nei mesi scorsi dato comunicazione alla casa municipale taorminese, con apposita lettera, sullo stato dell’iter procedurale ed aveva evidenziato che erano stati richiesti dei chiarimenti alla ditta che ha formulato l’offerta migliore. Per questo i tempi di definizione della gara si erano allungati. Adesso il dirigente dell’Ufficio Tecnico comunale di Taormina, l’ing. Massimo Puglisi, ha approvato i verbali delle sedute di gare e la proposta di aggiudicazione formulata dall’Urega Messina.

Il passaggio di consegne. La Onofaro di Naso, in ogni caso, proseguirà intanto il suo compito sino a quando non sarà stato ultimato in via definitiva l’iter di gara per l’Aro Taormina. Non ci sono ancora certezze sul passaggio di consegne, è possibile o probabile che la nuova ditta entri in servizio già a partire da questa stagione turistica.

Verso il porta a porta. Il Comune sta riorganizzando in questa fase il servizio di raccolta differenziata ed è imminente il via al porta a porta in tutto il territorio di Taormina previsto a partire da giorno 1 aprile. Per questo, l’Amministrazione comunale ha avviato da lunedì scorso la distribuzione degli appositi contenitori alle famiglie, che sta avvenendo a Taormina centro (al parcheggio Porta Pasquale), a Trappitello (presso la sede della delegazione comunale) e a Mazzeo (anche qui alla delegazione comunale). I contenitori in fase di consegna sono dotati di sensore di rilevamento. E per contrastare il fenomeno del conferimento abusivo di rifiuti, invece, stanno per essere installate delle foto-trappole nel territorio comunale ed in particolare nella zona di Trappitello, area spesso presa di mira dagli autori di questo fenomeno.

© Riproduzione Riservata

Commenti