la funivia Taormina-Mazzarò

Procedono a pieno ritmo i lavori di manutenzione della funivia di Taormina, chiusa al momento per le consuete opere invernali che quest’anno sono slittate al periodo di marzo. L’impianto su fune che collega Taormina centro e Mazzarò è indisponibile al pubblico dal 4 marzo scorso (è in funzione il servizio sostitutivo di Asm con bus navetta) e c’è attesa tra gli operatori economici della zona di Mazzarò e Isolabella affinché possa esserci al più presto la riapertura. Se non ci saranno complicazioni e se le condizioni meteo consentiranno la regolare prosecuzione delle opere in corso, si prospetta la riapertura nella settimana che inizierà lunedì 25 marzo. Si va, insomma, verso il rush finale delle opere che si protrarranno almeno per la settimana entrante. Le manutenzioni ordinarie da portare a compimento riguardano la sostituzione dei binari del carro motore e le ruote centrali, la necessità quindi di revisionare tre rulliere, accorciare la fune, sostituire parte dei rulli guida fune.

Le opere in corso. “I lavori stanno procedendo abbastanza bene – spiega il direttore d’esercizio della funivia, l’ing. Sergio Sottile – e in questa fase si sta intervenendo sulle rulliere. E’ un’attività abbastanza complessa, anche perché le rulliere sono usurate e bisogna anche sostituire i perni e altri pezzi. Nei prossimi giorni proseguiremo questi interventi e verrà effettuata anche la sostituzione del binario sul quale corre il carro motore. Possiamo dire che le manutenzioni andranno avanti per l’intera settimana entrante, poi si potrà ultimare il tutto e decideremo la data di riapertura”.

Le previsioni. La riapertura potrebbe, insomma, avvenire in tempi stretti ma in ogni caso prevale la prudenza ancora sulla data esatta, con la certezza che comunque a fine mese la funivia sarà di nuovo operativa a pieno regime. Alle porte della stagione turistica, la vicenda, come detto, viene seguita con attenzione dai vari gestori delle attività commerciali e di ristorazione, mentre per gli alberghi la riapertura avverrà poi nel periodo di Pasqua.

© Riproduzione Riservata

Commenti