scuola Vittorino da Feltre
l'ex scuola elementare Vittorino da Feltre

A conclusione di un iter estenuante e per tanti versi quasi interminabile, il Comune di Taormina ha completato l’ultimo passaggio propedeutico alla gara che dovrà essere espletata dall’Urega per la ristrutturazione della ex scuola elementare “Vittorino da Feltre”.

Placet al QTE. Con determina a firma dell’arch. Ramona Ponturo, è stato esitato, infatti, il nuovo quadro tecnico economico del progetto esecutivo da attuare con il finanziamento da Un milione e 795 mila euro stanziato dalla Regione Siciliana. Si tratta, quindi, adesso di procedere al pubblico incanto per la ristrutturazione e manutenzione straordinaria nonché l’adeguamento alle norme vigenti in materia di agibilità, sicurezza delle strutture e degli impianti, igiene ed eliminazione delle barriere architettoniche, nel plesso scolastico “Vittorino Da Feltre”, chiuso dal 2004 per inagibilità.

Verso l’appalto all’Urega. Il progetto esitato dall’Utc riguarda lo stralcio funzionale dell’ala sud dell’edificio, con i relativi atti che sono stati rimodulati a seguito dell’applicazione del nuovo prezzario unico Regionale per i Lavori Pubblici anno 2019. In questo modo l’Urega potrà procedere senza difficoltà, anche se i tempi non saranno brevi ed è probabile che per l’aggiudicazione serviranno ora un paio di mesi. Già nel maggio 2016 l’Urega Messina, a suo tempo, comunicò infatti alla passata Amministrazione comunale “la complessità dell’iter relativo alla celebrazione della gara che comporta una complessa attività di valutazione delle offerte” e che richiede “ripetute riunioni della commissione”. Il cantiere per la “Vittorino da Feltre” potrebbe scattare tra la fine di questo anno e il 2020 e a quel punto serviranno due anni di lavori, con la prospettiva che la vecchia scuola elementare possa tornare disponibile nel 2022, a quel punto a ben 18 anni di distanza dall’ancora discussa chiusura dell’ottobre 2004.

© Riproduzione Riservata

Commenti