Parcheggio di Porta Pasquale
Parcheggio di Porta Pasquale

L’avvento del nuovo piano di viabilità con Ztl e telecamere che scatterà a Taormina dal 2020, potrebbe portare ad una svolta anche sul parcheggio Porta Pasquale. Il posteggio di Taormina nord, sito proprio ai piedi della Via San Pancrazio, è infatti oggetto di interesse di uno dei privati che si sono fatti avanti per realizzare il sistema di controllo della viabilità con i varchi elettronici e con l’occhio delle telecamere, in vista di quella che sarà una rivoluzione viaria nella località turistica per quanto concerne la gestione dei flussi viari. Una delle due imprese che si sono fatte avanti con il Comune di Taormina ha inserito nella proposta di project financing per un impianto di controllo degli accessi Ztl e delle zone blu adibite a parcheggio anche la gestione del “Porta Pasquale”.

L’ora delle valutazioni. Adesso la casa municipale dovrà insomma fare le valutazioni del caso e decidere, in tempi stretti, se fare inserire la gestione del Porta Pasquale nel project financing che verrà avviato. Il parcheggio Porta Pasquale, d’altronde, continua a non vivere un momento felice e di recente il Comune è dovuto entrare in azione per ripulire dopo che diversi utenti lo avevano ridotto in una discarica dove c’era persino chi utilizzava alcuni ambienti per fare i propri bisogni.

Una struttura incompiuta. Si era anche parlato, a più riprese, dell’eventualità di un trasferimento della gestione dal Comune all’Asm, come a suo tempo avvenne per il Lumbi e per il Porta Catania ma questa soluzione non è mai decollata e il Comune non sembra intenzionato a trasferire il posteggio alla municipalizzata anche tenendo conto dei problemi che continua ad avere l’azienda. Il parcheggio Porta Pasquale, rispetto alla previsione progettuale iniziale, è stato realizzato con soli 75 posti auto ed è un numero di stalli che evidentemente hanno limitato in modo significativo le potenzialità della struttura, che rimane un’eterna incompiuta.

© Riproduzione Riservata

Commenti