Giuseppe Sterrantino e Alessandro Costantino

Il caso Rete Fognante sta per approdare in Consiglio comunale nei quattro Comuni che costituiscono l’ente consortile. Il dibattito verrà affrontato sia a Taormina che a Giardini e Castelmola, e lo stesso accadrà molto probabilmente a Letojanni. I consiglieri Giuseppe Sterrantino (maggioranza, Taormina), Alessandro Costantino, Angelo Cundari e Mario Sapia (opposizione, Giardini Naxos), con azione congiunta, hanno predisposto un odg urgente da presentare nelle rispettive assemblee. E a Castelmola è stato presentato un atto di indirizzo da parte del presidente del Consiglio, Massimiliano Pizzolo per conto di tutto il Consiglio.

Blitz al Consorzio. “Abbiamo ritenuto necessario effettuare, nello svolgimento delle nostre funzioni di consiglieri comunali, una visita formale al Consorzio Rete Fognante il 4 marzo scorso – si legge in una nota di Sterrantino e Costantino – per meglio comprendere lo stato di funzionamento dell’ente. A seguito della revoca dei propri rappresentanti da parte di Letojanni e Castelmola, e la conseguente decadenza di tutti gli organi di governo, abbiamo voluto promuovere un confronto con le amministrazioni interessate”.

Verso la stagione turistica. “Si avvicina la stagione estiva – aggiungono Sterrantino e Costantino – quando, come si sa, le presenze nel comprensorio turistico si incrementano notevolmente e, con esse, anche il numero delle utenze servite dai depuratori consortili, quindi si rende necessario superare la fase di stallo in tempi rapidissimi. Pertanto ci siamo fatti promotori di un ordine del giorno, da sottoporre ai Consigli Comunali di Taormina Giardini Naxos, Letojanni e Castelmola, per impegnare i sindaci a porre in essere ogni azione utile a ripristinare urgentemente l’operatività del Consorzio, e garantire la funzionalità degli impianti di depurazione”.

© Riproduzione Riservata

Commenti