il Teatro Antico di Taormina

Vertice a Palermo martedì per definire il calendario degli spettacoli dell’estate 2019 al Teatro Antico di Taormina e proprio in città i riflettori sono puntati non soltanto sulle date dei singoli eventi ma anche sulla questione sollevata lo scorso anno dal sindaco Mario Bolognari della condizione di “invivibilità e caos” che si registra nelle serate degli appuntamenti di grande richiamo di pubblico.

Ridurre il numero degli eventi. Il primo cittadino è stato convocato a prendere parte alla riunione che si terrà alla Regione, e l’aspettativa è che venga posto in essere quanto si sono impegnati a realizzare con una circolare assessoriale congiunta l’assessorato regionale ai Beni Culturali e l’assessorato al Turismo, che accogliendo l’istanza di Bolognari hanno emanato una disposizione condivisa per la rivisitazione delle linee guida sull’utilizzo del Teatro Antico nel periodo degli spettacoli estivi. L’esigenza che si avverte nella Perla dello Ionio è quella di una riduzione del numero di spettacoli, in primis nel periodo di agosto e specialmente attorno a quelle giornate come il 15 agosto in cui Taormina, già piena di turisti e di visitatori “mordi e fuggi”, si trova a fare i conti ormai da qualche anno anche con il popolo dei concerti, ovvero 5 mila persone. Il tutto con relative difficoltà a gestire la viabilità, la sicurezza, il decoro e la raccolta rifiuti.

Le nuove disposizioni. Da questa estate gli spettacoli in programma dovrebbero essere al massimo tre a settimana e, nella predisposizione del calendario che verrà effettuata d’intesa con la Regione e con il Parco di Naxos, si punta ad un alleggerimento della pressione su Taormina nel citato mese di agosto. Il decreto emanato nei mesi scorsi dall’assessore Sebastiano Tusa, che ha approvato un atto di indirizzo interassessoriale per la regolamentazione delle concessioni del Teatro Antico di Taormina per gli spettacoli del triennio 2019-2021, in pratica ha accolto le preoccupazioni che il sindaco aveva palesato in una nota inviata direttamente al presidente della Regione, Nello Musumeci. Si dovrebbe definire quanto prima la valutazione sui vari soggetti pubblici e privati che intendono organizzare spettacoli a Taormina in questa estate e che hanno deciso di presentare le rispettive proposte nell’ambito del relativo bando regionale.

© Riproduzione Riservata

Commenti