il dissuasore a Porta Catania

Il Corso Umberto di Taormina non è più “l’autostrada del Sole”. Dopo diversi anni di polemiche ma soprattutto di sistematico caos viario quotidiano sulla principale strada della località turistica, presa d’assalto nelle ore mattutine dai numerosi mezzi che effettuano il carico e scarico, il problema sembra finalmente aver trovato una svolta. Il fattore risolutivo è stata la recente collocazione dei dissuasori a Porta Catania e Porta Messina, i monoliti del peso di mille e 200 kg introdotti per motivi di sicurezza, che hanno bloccato l’ingresso libero dei mezzi a qualsiasi orario dalle due principali porte di accesso al “salotto” della città”, che creava una condizione di “liberi tutti” in cui chiunque poteva raggiungere il Corso senza troppo rispetto per gli orari vigenti dell’ordinanza sul rifornimento delle merci.

Vita dura per i furbetti. E invece l’orario per il carico e scarico è rimasto lo stesso, dalle 5 alle 9 del mattino, ma con i dissuasori anti-terrorismo a Porta Messina e Porta Catania sono stati limitati gli accessi al Corso Umberto e di riflesso è stata arginata l’azione dei “furbetti” che trasformavano il Corso in una vera e propria autostrada dove nelle ore mattutine diventava complicato e a volte anche rischioso transitare per i pedoni circondati dai vari furgoni.

Controlli e multe. In particolare, in precedenza c’era chi accedeva al Corso da Porta Messina e si fermava in piazza Vittorio Emanuele o proseguiva anche oltre, mentre ora per entrare sul Corso c’è soltanto la sbarra di Via Timeo, o altrimenti la Via Damiano Rosso dove è stata anche prevista un’analoga sbarra elettronica e si rischia di andare incontro a una multa immediata poiché si transita a pochi passi dal vicino Comando di Polizia locale. E la Polizia locale, che ha effettuato dei controlli quotidiani nella zona di Via Damiano Rosso, ha già intercettato e multato alcune ditte che effettuavano il carico e scarico senza rispettare la vigente ordinanza infliggendo verbali anche da 170 euro. Si sta, insomma, registrando un incoraggiante miglioramento che rappresenta un viatico positivo verso il futuro piano di viabilità con le Ztl e le telecamere, che dovrebbe entrare in vigore a Taormina dal 2020.

© Riproduzione Riservata

Commenti