dal 1 aprile il porta a porta a Taormina

Arriva un’importante novità sul fronte della raccolta rifiuti a Taormina che da lunedì prossimo verrà gestito dalla nuova ditta incaricata dal Comune, la Onofaro di Naso. In vista della riorganizzazione della differenziata con il “porta a porta” che partirà dal 1 aprile, verrà distribuito ai cittadini, a partire dai prossimi giorni, l’apposito kit con un cestello di plastica rigido per le operazioni di conferimento da effettuare. Sarà presente, in tal senso, un codice a barra per accertare l’effettivo collegamento con il cittadino censito nella banca dati del Comune.

Tempi e modalità. A differenza della ditta uscente Mosema, la subentrante “Onofaro” sta quindi predisponendo questo servizio, che il Comune di Taormina organizzerà per quanto concerne le operazioni di distribuzione ai cittadini con apposita comunicazione attesa da qui a breve. Verranno individuate delle aree di distribuzione dei cestelli sia in centro che nelle frazioni. Le attività di distribuzione del cestello si svolgeranno insomma entro la fine di marzo in modo da consentire la regolare esecuzione delle operazioni di conferimento previste a partire dalla data del 1 aprile.

L’ordinanza sindacale. L’ordinanza emanata dal sindaco Mario Bolognari prevede le seguenti indicazioni: la frazione organica-umido verrà raccolta il lunedì, giovedì e sabato per le utenze domestiche e 7 giorni su 7 per le non domestiche; carta e cartone verranno raccolti il martedì per le utenze domestiche mentre martedì, giovedì e sabato per le non domestiche; plastica e lattine saranno raccolte il venerdì per utenze domestiche e lunedì e venerdì per le utenze non domestiche; per il vetro verranno previsti dei punti di raccolta stradale per le utenze domestiche mentre per le altre sarà effettuato ogni giorno; il rifiuto secco residuo sarà raccolto il mercoledì per utenze domestiche e mercoledì e domenica per le non domestiche. Altre disposizioni interesseranno i materiali ingombranti, pannolini e pannoloni e pile esauste e farmaci scaduti.

© Riproduzione Riservata

Commenti