uno dei sempre più frequenti incidenti in A18

“La situazione dell’autostrada A18 ha ormai oltrepassato i limiti della vergogna assoluta. Chi di dovere abbia il coraggio, l’onestà intellettuale e gli attributi di intervenire immediatamente per porre rimedio a questa vicenda di gravità estrema in una trazzera che mette ogni giorno a rischio la vita della gente”. Lo afferma il presidente dell’Ente Bilaterale Regionale per il Turismo Siciliano e presidente dell’Associazione Albergatori Taormina, Italo Mennella.

La protesta. “Non ci sono più parole di fronte a quello che sta accadendo sulla A18. Vorremmo sapere come si fa a tenere in quelle condizioni un’autostrada talmente pericolosa e disastrata che non è più degna di essere classificata e chiamata come tale. Non si può nemmeno pensare di risolvere il problema bloccando intanto il pagamento del pedaggio perchè sarebbe come dare la morte gratis alla gente. I cittadini e le associazioni fanno bene a protestare e a voler far sentire la propria voce, e adesso spero che si “sveglino” finalmente anche gli amministratori dei Comuni. Il danno che questa situazione sta creando non ha precedenti ed è incalcolabile, sotto ogni punto di vista”.

Stop agli inutili rattoppi. “La A18 in queste condizioni è un attentato quotidiano alla vita degli utenti – conclude Mennella -, e sta creando un danno enorme anche di immagine al nostro territorio. Non è difficile immaginare cosa penseranno e diranno i turisti che arrivano da altri territori e si trovano a dover percorrere questa trazzera. Si continua ancora con la politica della presa in giro con il piccolo rattoppo che non soltanto non serve a nulla. E’ un bluff che offende la dignità e l’intelligenza dei cittadini. Chiediamo al Governo regionale e al Governo nazionale di fare ciascuno la propria parte per risolvere una volta per tutte questa emergenza. Basta con le chiacchiere, vogliamo fatti immediati e concreti che mettano fine a questo scempio”.

© Riproduzione Riservata

Commenti