Cibo Nostrum 2018 in Corso Umberto a Taormina

“Quanto sta accadendo con la Federazione Italiana Cuochi ci amareggia e ci lascia perplessi”. Lo afferma in una nota l’assessore al Turismo del Comune di Taormina, Andrea Carpita che così prende posizione sul caso Cibo Nostrum.

Le tappe della vicenda. “In data 31 agosto 2018 – spiega Carpita – è pervenuta all’assessorato al turismo una richiesta di patrocinio e servizi a supporto dell’evento Cibo Nostrum – La grande festa della cucina. In tale richiesta si individuava Corso Umberto come unica ed esclusiva location nella quale si sarebbe dovuto svolgere l’evento gastronomico in questione. Questo assessorato in data 13 settembre 2018 si è premurata a rispondere alla richiesta della Federazione Italiana Cuochi specificando quanto segue: “Ci corre l’obbligo di comunicare che questa Amministrazione, appena insediata, ha impostato delle nuove regole riguardanti il decoro del centro storico a Taormina. Tutto questo – si legge nel documento – a completezza delle direttive giunte anche dalla Prefettura in materia di sicurezza. Inoltre con nota a firma del Sindaco non si rilascia più alcuna autorizzazione per manifestazioni che si svolgeranno lungo Corso Umberto, di qualsiasi natura, al fine di rendere elegante e vivibile il centro storico di Taormina. Si ringrazia per aver scelto Taormina per la vostra manifestazione, rimanendo a disposizione per eventuali altre location sul nostro territorio”.

la risposta del Comune

La volontà del Comune. “Dalla lettera inviata alla Federazione Italiana Cuochi – continua Carpita – risulta evidente una totale apertura da parte di questa Amministrazione nei confronti dell’evento in questione. La nostra proposta ha messo in evidenza l’impossibiltà di svolgere la manifestazione “Cibo Nostrum” interamente su Corso Umberto sia per motivi legati alla sicurezza sia per una chiara e decisa scelta politica. Ciò non può però intendersi come un rifiuto. Al contrario quando si fa riferimento nella nota “ad altre location” risulta chiara la volontà di continuare ad ospitare Cibo Nostrum nella nostra Città . Se ci fosse stata una reale volontà di confronto e dialogo da parte dell’organizzazione, ne saremmo stati lieti. A questa lettera di risposta, protocollata in data 13 settembre, non ha fatto seguito alcun riscontro da parte dell’organizzazione. Ad ogni modo, questa Amministrazione rimane a disposizione per qualunque tipo di confronto con le associazioni che sceglieranno Taormina per organizzare eventi o manifestazioni di richiamo nella nostra Città”.

© Riproduzione Riservata

Commenti