il dg Paolo La Paglia al vecchio ospedale di Taormina

Il direttore generale dell’Asp Messina, Paolo La Paglia prende conoscenza con l’ospedale San Vincenzo ma non soltanto. A margine del primo blitz in contrada Sirina, il nuovo manager dell’azienda si è recato anche all’ex ospedale San Vincenzo di contrada Cuseni, sede degli uffici dei servizi territoriali Asp. Si tratta di un immobile che, in sostanza, ha una proprietà divisa per metà dell’Asp e per metà del Comune di Taormina ma al momento soltanto quella dell’azienda funziona e diversi ambienti dell’edificio versano in condizioni fatiscenti.

Le criticità. “Ho notato che ci sono gravi problemi al vecchio ospedale – ha detto La Paglia -. Emerge in modo evidente e mi colpisce l’evidente differenza tra quello che ho visto al “San Vincenzo” e le molteplici difficoltà logistiche in atto invece riscontrate nei locali del distretto. Mi attiverò subito per cercare di cambiare quella situazione. Io non ho una visione ospedalecentrica e anche i servizi territoriali sono fondamentali e meritano la dovuta attenzione”.

La storia e le prospettive. L’ex San Vincenzo, un tempo sede dell’ospedale di Taormina, nelle passate legislature regionali, nel periodo della presidenza di Totò Cuffaro e poi di Raffaele Lombardo stava per finire nell’elenco dei beni da alienare da parte della Regione ma il Comune di Taormina ingaggiò poi una battaglia politica che bloccò con apposite deliberazioni del Consiglio comunale l’iter di dismissione. Oggi servirebbe una sinergia proprio tra l’Asp e l’ente locale per ridare piena funzionalità a un edificio che potrebbe essere ancor più strategico e certamente più funzionale per i servizi dare sul territorio all’utenza. “Valuteremo insieme al Comune di Taormina quello che si può e che si deve fare – ha detto La Paglia – per migliorare la situazione di fatiscenza in essere in questa struttura, mettendo prima di tutto come priorità l’esigenza di dare dei servizi di adeguato livello ai cittadini del distretto”.

© Riproduzione Riservata

Commenti