l'assessore al Turismo, Andrea Carpita

“I dati ufficiali sul rilevamento delle presenze turistiche ci dicono che nel 2018 Taormina ha avuto oltre 1 milione e 150 mila visitatori. Un vero e proprio boom se si considera che è stato superato del 3,04% il risultato del 2017, ovvero l’anno record del G7”. Così l’assessore al Turismo del Comune di Taormina, Andrea Carpita commenta l’esito dell’anno appena trascorso per quanto concerne il turismo nella Perla dello Ionio.

L’onda lunga del G7. “Questo dato già da solo – spiega Carpita – basterebbe a ritenere che Taormina, non solo si conferma ancora una volta la capitale del turismo siciliano, ma ha tutte le carte in regola per consolidare la propria vocazione a località turistica d’èlite, poco incline invece al turismo “mordi e fuggi”. Le presenze registrate sono infatti, relative a turisti che pernottano, dunque residenziali, in crescita su tutte le fasce di categorie ricettive, anche in quelle extra-alberghiere, nonostante una leggera flessione dei 5 stelle (2%) dovuta però alla chiusura dell’Hotel San Domenico. E’ chiaro che la scia del G7 non possa ritenersi conclusa, e questo deve farci guardare al 2019 con grande ottimismo, anche grazie ai nuovi gruppi internazionali del lusso che hanno deciso di investire sulla nostra città”.

Il rebus viabilità. “Una delle criticità della nostra città – evidenzia Carpita – riguarda certamente la viabilità: ecco perchè ci siamo subito attivati per definire l’introduzione della Ztl. Per quanto riguarda più da vicino le mie deleghe, possiamo dire anche di aver affrontato con successo le festività natalizie, mettendo in piedi, per tempo e con qualità, allestimenti e manifestazioni nonostante le poche risorse economiche del Comune”.

Palacongressi agibile. “Vorrei chiarire inoltre che il Palazzo dei Congressi è pienamente agibile, a dispetto di chi pensa che ancora non possa essere utilizzato – continua Carpita -. L’autorizzazione della Commissione di Vigilanza è arrivata il 13 marzo del 2018, tanto che negli ultimi mesi l’edificio ha ospitato congressi, manifestazioni ed eventi vari. Il nuovo anno porterà anche il bando per giungere a una gestione che ne possa ulteriormente rafforzare l’utilità in chiave turistica e portare maggiori risorse nelle casse del Comune. Sul fronte tassa di soggiorno, infine, vorrei ricordare che siamo stati i primi ad attivarci con azioni legali contro i debitori, riscuotendo i primi risultati. E’ chiaro che le risorse ottenute devono essere reinvestite nel turismo e che, se così fin ora non è stato fatto, la colpa non è certo di quest’amministrazione”.

Le prospettive per il 2019. “L’impegno quotidiano profuso in questi primi sei mesi e il raggiungimento dei primi, piccoli ma importanti traguardi – conclude Carpita – ci fa guardare al nuovo anno con una buona dose di fiducia. Per noi è però indispensabile e prezioso il sostegno non solo dei cittadini, ma di tutte le categorie produttive, soprattutto nel campo del turismo, tenendo vivo un confronto costruttivo e propositivo già in atto. Da parte nostra garantiamo un dialogo costante con la Regione Sicilia per potenziare l’offerta turistica di Taormina e diversificarla in funzione della città, e non di altri interessi, come stiamo cercando di fare per TaorminaArte e per gli altri eventi che verranno proposti al Teatro Antico”.

© Riproduzione Riservata

Commenti