caos viario a Porta Messina

Il Comune di Taormina, con apposita delibera di Consiglio comunale, ha aderito al “Patto dei sindaci per il clima e l’energia”. La casa municipale ha così’ deciso di condividere la proposta formulata dalla Commissione Europea finalizzata al coinvolgimento delle comunità locali per la realizzazione di iniziative dedite a ridurre l’emissione di CO2 e a contrastare gli effetti e la vulnerabilità del cambiamento climatico attraverso l’attuazione di un Piano di azione per l’energia sostenibile ed il clima. Il patto sarà sottoscritto dal sindaco di Taormina, Mario Bolognari, mentre dell’avvenuta adesione della capitale del turismo siciliano è già stata data immediata comunicazione alle Commissione Europea.

L’impegno emendato. L’ente locale si è in tal modo impegnato alla predisposizione e all’adozione entro i prossimi due anni del piano in grado di favorire nel territorio un miglioramento delle condizioni climatiche ambientali. Il termine di 2 anni è stato ulteriormente modificato con l’avvenuta approvazione di un emendamento da parte dei consiglieri Antonio D’Aveni e Claudio Giardina, che ha ridotto il periodo a 20 mesi.

Fare la propria parte. Taormina, cittadina di 10 mila abitanti, fa registrare ogni anno in città la presenza di Un milione di persone che pernottano nelle strutture ricettive ed extra-ricettive del territorio ed un movimento “mordi e fuggi” di almeno altri 2 milioni di persone. Di conseguenza si ha un significativo numero di persone che si trovano in zona. Vi è la necessità di contribuire al contrasto degli effetti e alla vulnerabilità del cambiamento climatico.

© Riproduzione Riservata

Commenti