via libera alla riapertura del Ps a Giarre

Via libera da Roma per la nuova rete ospedaliera in Sicilia e importanti novità in vista nel riordino delle strutture di Pronto Soccorso. Parere positivo è stato espresso, intanto, alla decurtazione di 196 primariati e all’incremento di 1.700 posti letto. Il decreto che l’assessorato alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza, deve ancora definire nei dettagli dovrebbe, quindi, aprire ai concorsi e comportare oltre cinquemila nuovi posti di lavoro nella sanità siciliana.

La svolta a Giarre. Ma la notizia che probabilmente, di sponda, avrà un impatto di maggiore rilievo a Taormina è quella che riguarda Catania e provincia, dove viene confermata l’autonomia dell’ospedale di Giarre che si stacca da Acireale, tornando ad essere presidio e riconquistando il Pronto Soccorso. La riapertura del Pronto Soccorso a Giarre, se effettivamente si concretizzerà, dovrebbe avere come diretta conseguenza la fine delle lunghe ed insopportabili attese sinora determinatesi con una frequenza ormai quotidiana al Pronto Soccorso dell’ospedale San Vincenzo di Taormina.

La situazione a Taormina. Su Taormina, infatti, al momento grava la presenza di numerosi utenti dei paesi della cintura dell’etneo che non potendo contare su Giarre si riversano quotidianamente sul presidio di contrada Sirina, dove a quel punto si verifica la presenza di tanta gente costretta spesso ad aspettare diverse ore prima di poter essere visitata. Una condizione di difficoltà anche per gli operatori medici ed infermieristici di Taormina che svolgono con il massimo impegno la professione ma devono affrontare e gestire una costante pressione alla quale in qualche caso fanno seguito episodi di tensione.

© Riproduzione Riservata

Commenti