slitta l'aggiudicazione della gara per Aro Taormina

Si allungano i tempi per la conclusione all’Urega della procedura di gara riguardante l’Aro Taormina, in riferimento all’individuazione della società che dovrà aggiudicarsi l’appalto e gestire poi nei prossimi anni il servizio di raccolta rifiuti nella Perla dello Ionio.

L’annuncio. Il presidente della Commissione aggiudicataria ha dato comunicazione alla casa municipale taorminese, con apposita lettera, sullo stato dell’iter procedurale ed ha evidenziato che sono stati richiesti dei chiarimenti alla ditta che ha formulato l’offerta migliore. L’offerta, in sostanza, sarebbe stata valutata “anomala” e da qui la richiesta di chiarimenti.

La querelle. “Entro il termine che era stato concesso, e cioè quello del 27 dicembre – spiega il sindaco Mario Bolognari – è già arrivata la risposta da parte dell’impresa ed era previsto che venisse discussa dalla Commissione il 9 gennaio. Nel frattempo, però, l’impresa che aveva formulato la seconda migliore offerta ha posto, a sua volta, delle controdeduzioni non inerenti l’offerta specifica della ditta concorrente ma su presunte altre problematiche inerenti l’aggiudicazione alla stessa. E così la riunione prevista per il 9 gennaio è stata rinviata a data da destinarsi”. “Noi ovviamente – aggiunge il sindaco – ci auguriamo che la vicenda si possa chiarire al più presto e che, in qualsiasi caso, si possa quindi arrivare ad una soluzione risolutiva”.

Lo scenario. A questo punto si prospetta un contenzioso che potrebbe allungare i tempi dell’aggiudicazione della gara per l’Aro e per il Comune, quasi certamente, si renderà necessario adottare una soluzione urgente, tenuto conto che la ditta che attualmente gestisce il servizio di raccolta rifiuti a Taormina in via provvisoria, ovvero la Mosema (che non ha preso parte alla gara Aro) ha una proroga in scadenza nell’imminente data del 31 gennaio di questo anno. Il sindaco Bolognari si attiverà per fronteggiare la problematica e potrebbe decidere di disporre un’ulteriore fase di proroga alla Mosema, in attesa che si definisca la procedura in atto all’Urega.

L’appalto. La gara dell’Aro Taormina, ricordiamo, riguarda la futura gestione della raccolta rifiuti a Taormina nei prossimi 7 anni con procedura da 21 milioni 987 mila 643 euro (base annua 3 milioni 141mila e 91 euro). All’appalto hanno preso parte 12 ditte.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti