sospesa la licenza a un B&B di Taormina

Aveva l’autorizzazione per un B&B con 3 posti letto, ma esercitava l’attività con una disponibilità ad accogliere l’utenza per oltre 30 persone. Così la Polizia locale di Taormina ha denunciato un 33enne di Taormina, gestore di un Bed & Breakfast nella Perla dello Ionio. Tutto è scaturito dalla mail di protesta fatta pervenire da un turista italiano all’Ufficio Turismo del Comune di Taormina, nella quale si lamentava la condizione di un B&B ritenuta “inaccettabile” e nella quale si lamentavano la presenza, fra le altre cose, di “lenzuola sporche e muffa nei locali”.

“Il tugurio”. Il turista, residente al Nord Italia ma originario di Siracusa, prima di tornare nella città aretusa aveva deciso di passare con la famiglia una notte a Taormina ma ha definito “un tugurio” la struttura taorminese ora sanzionata e da qui la decisione di tornare in anticipo a casa. L’Ufficio Turismo del Comune di Taormina ha informato la Polizia locale, che ha così predisposto un apposito servizio di controllo con i tecnici dell’Asp Messina.

Il foglietto. Sul posto sono così arrivati gli agenti della Polizia locale, coordinati dal vicecomandante Daniele Lo Presti. Il personale della Polizia locale riscontrava subito che la porta di ingresso al b&b era aperta ma bloccata con una sedia in legno e in un foglietto si leggeva: “Gentili signori buongiorno accomodatevi in questa camera grande o scendete per le scale”.

Le stanze e i numeri. La struttura risultava autorizzata per 3 posti letto al piano terreno con autorizzazione del Comune di Taormina e dell’ex Provincia regionale di Messina, Ufficio servizi ricettivi e Demanio, classificato nel 2008 come B&B ad una stella per una sola camera. La Polizia locale riscontrava, nel dettaglio, che al piano terra si trovavano 5 posti letto e non 3. Al piano primo, dove ci sarebbe dovuta essere la residenza del proprietario, si trovava invece un’altra stanza da letto con 5 posti letto. Al secondo piano doveva esserci una sala pranzo e un terrazzo con balcone invece c’era un altra stanza da letto con 4 posti letto e un terrazzo con tavoli e sedie. Al piano terzo, inoltre, anziché un locale deposito c’era invece un vano mansardato adibito a camera da letto con 4 posti.

Un altro immobile. Si accertava, inoltre, che il gestore (locatario) dell’immobile, aveva in uso agli stessi fini un immobile confinante (ma di sua proprietà) composta da 3 elevazioni fuori terra, al cui piano terra c’erano 5 stanze per ulteriori 17 posti letto. Il titolare del B&B è stato così denunciato per falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico ed il Comune ha avviato il procedimento di sospensione dell’attività ricettiva già notificata alla persona in oggetto.

Denunciato anche un albergatore. Intanto la Polizia di Stato del Commissariato di Taormina ha denunciato il gestore di un albergo di Taormina. Gli accertamenti degli operatori del locale Commissariato hanno evidenziato, infatti, delle anomalie e nella fattispecie gli agenti hanno rilevato il mancato rispetto delle procedure di registrazione dei clienti, con delle violazioni alla normativa vigente.

© Riproduzione Riservata

Commenti