la nuova ferrovia Me-Ct nel tratto di Taormina

“Il raddoppio Rfi può portare una svolta di eccezionale rilievo nello sviluppo dell’intero comprensorio. Invitiamo gli amici e colleghi di Giardini ad essere parte integrante di questa prospettiva, siamo certi non verranno penalizzati dal progetto”. Così il vicesindaco di Taormina, Enzo Scibilia, lancia un messaggio agli amministratori di Giardini Naxos e svela alcuni dettagli dell’iter per il raddoppio ferroviario ma anche sulle opere compensative.

“Siamo di fronte ad un progetto di sistema integrato moderno ed ecosostenibile per i trasporti che darà lustro dal vista strategico all’intero territorio – afferma Scibilia -. Il sì del Comune di Taormina è netto e pienamente convinto. La proposta che viene fatta da Rfi è un’opportunità funzionale a tutti i paesi della zona, compresa Giardini Naxos. E’ il più grande investimento delle Ferrovie dello Stato da oltre un secolo a questa parte al Sud, dove non investivano più dal 1890. Non possiamo perderci in piccole beghe al cospetto di un’opera storica, che comprende anche il collegamento Bicocca-Aeroporto con Taormina in meno di 20 minuti. Ciò significa che saremo collegati con l’Aeroporto in un tempo che abbatte di oltre la metà quello attuale. I numeri sono eloquenti: si passerà dall’attuale transito di 69 treni giornalieri a 215 treni, e dai 60-70 km orari di media attuali ai 120-130 km orari del futuro raddoppio. Il turista che arriverà dall’Aeroporto potrà fare il suo transfer non più in un’ora ma nella metà del tempo, potrà quindi giungere rapidamente alla nuova stazione di Taormina e da lì in ascensore al Lumbi”. E qui Scibilia conferma che si va verso una svolta per il collegamento Lumbi-Taormina centro atteso in città ormai dal 1995: “C’è la piena disponibilità di Rfi a realizzare il collegamento verticale Lumbi-Fontana Vecchia. A quel punto non dipenderemmo più dal gommato”.

Rfi dà anche il via libera alla metropolitana leggera. “E’ prevista la metropolitana leggera che salverà l’attuale linea ferrata e questo sarà un successo e un vantaggio per tutti – prosegue Scibilia -. Quindi da Letojanni a Taormina e Giardini e Trappitello (Alcantara) verrà resa attiva una metropolitana con la relativa disponibilità di Rfi a concedere ai Comuni la gestione della propria parte di linea. Viene anche prevista l’attivazione della linea turistica da Randazzo a Giardini, dando modo ai paesi dell’hinterland Alcantara di avere il treno turistico che potrebbe fungere inoltre da collegamento con la metropolitana leggera e con l’Aeroporto”.

“Verrà attivato un tavolo tecnico con la Regione – conclude Scibilia – per condividere gli aspetti logistici e operativi. Di certo c’è che questa progettualità salverà l’attuale linea da qualsiasi speculazione, dando una direzione green e di sostenibilità al territorio, oltre che migliorare la qualità del viaggio e della vivibilità. E’ evidente che si potrà avere un incremento di flussi turistici in virtù del collegamento diretto e rapido con l’Aeroporto di Catania. L’idea della metropolitana leggera sarà un’addizione vincente anche per Giardini. Per questo ora bisogno mettere da parte qualsiasi forma di pregiudizio o di polemica, e remare tutti dalla stessa parte. E’ un treno che non possiamo permetterci di perdere”.

© Riproduzione Riservata

Commenti