la sfida invernale di Taormina

In occasione del Taormina Food & Wine Weekend il sindaco di Taormina, Mario Bolognari, ha rilasciato alcune dichiarazioni sull’atavica problematica delle tante chiusure d’inverno a Taormina, quando ormai da parecchi anni la capitale del turismo siciliano va “in letargo” e riapre i battenti in primavera. “Condividiamo questa idea lanciata dall’Associazione Commercianti Taormina che corrisponde esattamente all’indirizzo che noi abbiamo voluto dare alla nostra Amministrazione – ha commentato il sindaco Mario Bolognari – cioè non avere la frenesia di aumentare il numero di visitatori, ma di migliorarne la qualità”.

“Ci sono due dati importanti – ha proseguito Bolognari – uno riguarda il 2018, di un flusso in aumento rispetto al 2017, e l’altro di una redistribuzione diversa della composizione del turista nel corso dell’anno che fa ben sperare nel senso di una migliore qualità. Iniziative come queste che valorizzano il territorio anche se per piccole nicchie di mercato, sono da noi raccolte favorevolmente. Seguendo e sposando questo esempio abbiamo già addobbato la città per Natale, cerchiamo di incoraggiare gli esercenti a restare aperti, stiamo pensando piccole agevolazioni per gli alberghi che non chiudono e anche a una politica diversa delle tariffe dei parcheggi nella stagione invernale. È un piccolo percorso che quest’anno darà forse poco frutti ma sono sicuro che ne darà tanti per il futuro”.

Dunque, per invertire il trend di lungo corso dell’inverno deserto a Taormina questo il Bolognari pensiero: “Premieremo esercenti e albergatori che rimarranno aperti. I nostri obiettivi: turismo di qualità e migliore redistribuzione durante l’anno”.

© Riproduzione Riservata

Commenti