il Comune di Taormina revoca i suoli per morosità

In attesa della discussione in Consiglio comunale del nuovo regolamento dei suoli pubblici, che pare destinata a slittare ad inizio 2019 per lasciare spazio intanto alla priorità di deliberare i bilanci (rendiconto 2016 e 2017 e previsionale 2018), il Comune di Taormina inizia ad applicare il “pugno duro” sulle attività economiche che risultano morose verso gli uffici di Palazzo dei Giurati. In tal senso la casa municipale ha determinato per “ripetuta morosità” la decadenza della concessione del suolo pubblico ad un locale della zona di Porta Catania, al quale è stata così inflitta la “revoca immediata dell’autorizzazione”.

Con determina firma del dirigente dell’Ufficio Tecnico comunale, ing. Massimo Puglisi, è stata disposta “l’immediata rimozione di qualsiasi manufatto ed il ripristino immediato del suolo, entro cinque giorni dall’avvenuta notifica dell’atto alla ditta interessata”. L’azienda nei confronti della quale è stata formalizzata tale decisione da parte del Comune avrà 30 giorni di tempo per produrre eventuale ricorso al giudice di pace o per inviare deduzioni difensive all’Ufficio Cosap del Comune di Taormina. L’attività destinataria del provvedimento ava maturato una serie di pagamenti non effettuati e nello specifico per il 2015 di 924 euro, per il 2016 di 2 mila 696 euro e per il 2017 di 2 mila 065 euro.

© Riproduzione Riservata

Commenti