Eddy Tronchet

Il “caso Pappalardo” finisce all’attenzione della Prefettura di Messina e della Questura di Messina a seguito di una nota a firma di Eddy Tronchet, già candidato sindaco del M5S alle Comunali dello scorso 10 giugno, che in una lettera inviata anche al Comune di Taormina rileva “la gravità dei fatti descritti dalla dott.ssa Rossana Carrubba nella determinazione dirigenziale n°236 del 26/10/2018 in cui l’allora segretario Comunale ha disposto la sottoscrizione del contratto di lavoro entro il 31 ottobre 2018” tra il Comandante della Polizia locale Agostino Pappalardo e l’ente locale.

Tronchet richiama nella sua lettera di aver affrontato la vicenda “già nella qualità di Consigliere Comunale di Taormina durante una riunione del Consiglio Comunale in data 22/04/2004, tramite una interrogazione nell’Aula Consiliare”. “All’epoca dei fatti il sindaco della città era il prof. Mario Bolognari – scrive Tronchet -, pertanto si chiede all’attuale sindaco di Taormina di descrivere le circostanze ed i vari passaggi che hanno portato alla nomina del dott. Pappalardo, ufficializzati con le delibere di Giunta Municipale n°256/2001 e G.M. n° 265/200, inserendolo nell’area della dirigenza, applicando il contratto di lavoro dell’area della dirigenza e attribuendogli il trattamento economico previsto per la figura di primo dirigente della tipologia di enti locali”. Si tratta di una vicenda sulla quale il Comandante Pappalardo, per altro, ha già dato mandato ad un legale per tutelare e chiarire la propria posizione.

Tronchet ricorda inoltre l’esposizione della sua interrogazione in aula consiliare il 22 aprile 2004: “Portai in discussione la documentazione del Sulpm ma quella denuncia si scontrò con la indifferenza dell’allora Giunta municipale”. “Si chiede di conoscere – scrive Tronchet – quali siano stati i criteri di scelta tra i vari candidati, uno di essi già ricoprente un ruolo dirigenziale presso il Comune di Giardini Naxos. Si chiede altresì di spiegare l’assenza di un regolare ed obbligatorio contratto di lavoro tra il Comune di Taormina ed il dott. Agostino Pappalardo previsto dalla legge, assenza prorogatasi per ben diciassette anni. Quali provvedimenti intende adottare la Giunta Municipale nei confronti del dott. Pappalardo, sia in merito all’attuale incarico di Dirigente del Corpo di Polizia Municipale, sia nella sua funzione di liquidatore Asm”.

“Il caso – aggiunge Tronchet – impone un chiarimento della vicenda che la cittadinanza pretende nei tempi più rapidi possibili”.

© Riproduzione Riservata

Commenti