Mariella Enoc in visita al Ccpm Taormina

Visita a sorpresa al Ccpm Taormina della presidente del “Bambino Gesù” di Roma, Mariella Enoc. Il massimo responsabile dell’ospedale pediatrico romano e della struttura di Cardiochirurgia pediatrica del Mediterraneo, gestita proprio dal Bambino Gesù”, è tornata al Ccpm per fare visita ai piccoli pazienti ricoverati a Taormina. La Enoc si è soffermata, in particolare, a lungo con Marcela, la coraggiosa madre del piccolo Rodrigo, un bambino proveniente da San Salvador che ha affrontato un lungo viaggio della speranza nonostante le condizioni critiche.

La presidente Enoc conferma, dunque, la sua vicinanza al Ccpm, il centro di eccellenza che al momento ha una convenzione che prevede la prosecuzione delle attività nella Perla dello Ionio sino alla prossima estate. Già in tempi brevi potrebbe però esserci un primo contatto tra la Enoc e il nuovo direttore generale dell’Asp Messina, il dott. Paolo La Paglia, per fare il punto della situazione e gettare le basi per concretizzare la prosecuzione in termini pluriennali delle attività dell’equipe del Bambino Gesù a Taormina.

In tal senso, c’è la volontà da parte del Governo regionale, e dunque sia da parte del presidente Nello Musumeci che dell’assessore Ruggero Razza, ad andare avanti insieme al Bambino Gesù. La prospettiva è quella di un allungamento dell’intesa tra la Regione Siciliana e l’ospedale pediatrico romano che in questi anni (a partire da quando fu istituito il Ccpm nell’autunno 2010) ha gestito il Centro di Cardiochirurgia Pediatrica con ottimi risultati e ha salvato tanti bambini. La linea strategica scelta dal Governo regionale è quella di avere due centri nell’isola, uno nel versante orientale con la conferma del già esistente Ccpm e a Palermo è previsto invece un nuovo centro per la zona occidentale della Sicilia. Il Ccpm è diventato, tra le altre cose, hub per la medicina umanitaria nell’area del Mediterraneo e nel mese di gennaio del nuovo anno i medici taorminesi si recheranno in India (come già hanno fatto di recente in Tanzania) per il trattamento chirurgico di 12 bambini affetti da cardiopatia congenita complessa nella città di Madurai in India. La trasferta in India dei medici del Ccpm si terrà dal 20 al 27 gennaio 2019 e vedrà coinvolti in prima linea i migliori professionisti del Bambino Gesù di Taormina, chiamati ad intervenire nel Sud dell’India dalla Fondazione Umanitaria “Little Moppet Heart”.

A breve è attesa anche la stretta finale per la formalizzazione della convenzione tra le Regioni Sicilia e Calabria, finalizzato a fare del Ccpm in termini ancor più concreti un polo di riferimento medico per l’intera area dello Stretto. La bozza di convenzione è stata già da tempo predisposta dall’Asp Messina, adesso si dovrebbe andare a firmare il patto tra le rispettive regioni. Gli atti erano stati già predisposti dal direttore generale uscente Gaetano Sirna e adesso potrebbe essere il neomanager dell’Asp Messina, il dott. La Paglia, ad imprimere l’accelerazione definitiva affinché si arrivi alla ratifica dell’importante intesa tra Sicilia e Calabria.

© Riproduzione Riservata

Commenti