casello di Taormina chiuso in entrambe le direzioni

Aumentano i disagi per l’utenza di Taormina e del comprensorio a causa dell’indisponibilità del casello di Spisone per lavori in corso. Dopo la prima fase di interventi in atto già dal 15 ottobre scorso, da questo momento svincoli di Taormina, sia in ingresso che in uscita, di pista Monte e Valle, chiusi al transito. Divieto di passaggio in entrambe le direzioni e, mentre si intensificano le code veicolari sulla strada statale, riprende vigore la protesta degli utenti.

L’incubo delle code infernali. “E’ assurdo che la gente debba andare a finire addirittura a Roccalumera o altrimenti doversi immettere nelle code infernali della strada statale – afferma il presidente dell’Associazione Albergatori Taormina, Italo Mennella -. Queste cose non avvengono nemmeno nei Paesi del Terzo Mondo, non si danno nemmeno le dovute e adeguate comunicazioni e segnalazioni di quanto sta accadendo. C’è una mancanza di rispetto assoluta e del tutto inaccettabile verso l’utenza. Ma che modo di fare è questo? Stiamo assistendo ad un qualcosa che non può essere definito diversamente che con una parola: una vergogna”.

Cantiere da posticipare a dopo l’Epifania. “Altrettanto evidente – secondo il presidente di AAT – è che il Comune di Taormina doveva opporsi con convinzione, in modo determinato, a questa chiusura del casello A18 disposta già nel periodo di ottobre-novembre. I lavori potevano essere fatti benissimo anche a partire da gennaio, dopo l’Epifania. Non sarebbe stata la fine del mondo. Ancora una volta sono gli altri che decidono per noi e per questo territorio, e questo non va bene e non può essere consentito”.

Caos su caos e una decisione imposta. “Nelle riunioni tenutesi in Prefettura – continua Mennella – il Comune di Taormina poteva e doveva farsi valere senza accettare imposizioni altrui. La Città di Taormina, che tutti “amano” nei mesi della stagione turistica, non può essere colonizzata da scelte fatte all’esterno di questo territorio. Sarebbe stato giusto far valere le ragioni di questo comprensorio ed imporre la propria linea, che è quella della principale meta turistica siciliana, ed è quella più in generale di Comune di riferimento di tutto il primo polo turistico dell’isola. Le opere in atto vanno certamente eseguite ed è un bene che vengano fatte, tanto più se vi è un problema di infiltrazioni idriche ed anche dovendo evidenziare che stiamo vedendo una pulitura del verde che non si vedeva da decenni. Ma, in qualsiasi caso, bisognava rimandare di due mesi l’avvio del cantiere, e invece adesso stiamo assistendo ad un quadro della situazione inaccettabile e imbarazzante. E soprattutto per chi si muove da Trappitello non c’è stata un’adeguata comunicazione di questi ulteriori lavori. E cosi si crea una condizione di “caos su caos”. Eppure Trappitello, sino a prova contraria, è Comune di Taormina e i cittadini di Trappitello pagano le tasse esattamente come tutti gli altri residenti di questa città”.

Il comunicato del Consorzio Autostrade Siciliane. Questa, ricordiamo, la comunicazione data sin qui dal Cas sui vari lavori in questione. Dal 15 ottobre al 30 novembre 2018 saranno eseguiti lavori nella galleria “Taormina” (ubicata nella rampa d’uscita da Messina dello svincolo di Taormina) e nelle gallerie “S. Antonio”, “Taormina” e “Giardini” (poste nella tratta Taormina/Giardini, direzione CT).
Di seguito gli interventi da eseguire nella Galleria Taormina: pulizia e sistemazione della banchina, pulizia e profilatura dei piedritti, idrolavaggio delle pareti, rivestimento (con lamiera grecata), verniciatura delle pareti, rimozione dell’impianto elettrico esistente ed attivazione del nuovo impianto di illuminazione con lampade led, sistemazione della segnaletica stradale. Quelli nelle altre tre gallerie: pulizia e spurgo pozzetti, cunette e marciapiedi, idrolavaggio, spicconatura di intonaco, pretrattamento superfici in cis ed applicazioni di malta, inalbamento con vernice in epossiacrilica, posa in opera di lastre in cis (camminamento) e di delinea tori, pulizia spurgo fossi di guardia, taglio di arbusti e canneti e verde infestante nonché abbattimento di alberature.  Le modifiche alla viabilità, scaturite dal crono programma dei lavori, sono state portate a conoscenza del COV (Comitato Viabilità della Prefettura) che le ha condivise ed autorizzate.

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE LIMITAZIONI E CHIUSURE
Tratto compreso tra Roccalumera e Giardini Naxos (indicazione orientativa). Dalle ore 7,00 del 15 ottobre alle ore 20,00 del 29 ottobre, chiusura al traffico della carreggiata di monte (direzione CT) ed istituzione del doppio senso di circolazione nella carreggiata di valle (direzione Messina);
Tratto compreso tra Giardini Naxos e Roccalumera (indicazione orientativa). Dalle ore 7,00 dell’11 novembre alle ore 20,00 del 30 novembre, chiusura al traffico della carreggiata di valle (direzione ME) ed istituzione del doppio senso di circolazione nella carreggiata di monte (direzione Catania).

CHIUSURE E LIMITAZIONI DELLO SVINCOLO DI TAORMINA
Rampa di uscita dall’Autostrada per i veicoli provenienti da Messina. Chiusura al traffico veicolare dalle ore 7.00 del 15 ottobre alle ore 20.00 del 30 novembre.
Rampa di ingresso in autostrada per i veicoli diretti in direzione Catania. Chiusura al traffico veicolare dalle ore 7.00 del 15 ottobre alle ore 20.00 del 30 novembre.
Rampa di uscita dall’autostrada per i veicoli provenienti da Catania. Chiusura al traffico veicolare dalle ore 7.00 del giorno 11 novembre alle ore 20.00 del 30 novembre.

© Riproduzione Riservata

Commenti