procedure di sfratto per immobili comunali

La Giunta di Taormina, su iniziativa dell’assessore al Contenzioso, Giuseppe Caltabiano, ha disposto la procedura di sfratto per morosità nei confronti di cinque, tra associazioni e privati, conduttori attualmente in affitto di immobili di proprietà dell’ente locale, che all’atto dei relativi accertamenti da parte degli uffici risultano non in regola con i pagamenti.

Nei confronti dei conduttori la Giunta parla di “reiterate richieste fatte dal Comune per il pagamento dei canoni di locazione, al quale non hanno mai inteso adempiere”. “Vi è la necessità – spiega Caltabiano – di procedere all’affidamento dell’incarico ad un legale per promuovere l’apposita azione esecutiva finalizzata al recupero del credito nascente da sentenze che vedono il Comune di Taormina creditore”. La delibera di Giunta ha per oggetto il “conferimento di incarico legale per proporre sfratto per morosità nei confronti di alcuni conduttori di immobili di proprietà del Comune di Taormina, con autorizzazione al sindaco a proporre azione esecutiva”.

Tra i destinatari del provvedimento intrapreso dal Comune di Taormina c’è un’associazione di danza classica e un’associazione taorminese di tennis, una tipografia ed inoltre i conduttori di un immobile nella zona di Porta Messina e di un altro ubicato nella Città di Catania. La casa municipale punta, insomma, a rientrare in possesso delle somme non versate. Si tratta di una questione che, in effetti, si trascina in modo irrisolto già da diversi anni e che aveva interessato anche altre precedenti Amministrazioni della città. Adesso la casa municipale, su disposizione dell’assessore Caltabiano, ha decretato l’esecutività dello sfratto nei confronti dei cinque destinatari del provvedimento, per altrettanti immobili di cui è titolare il Comune.

L’ente locale vuole recuperare le somme vantate, rientrare in possesso dei beni ed eventualmente procedere ad un successivo iter pubblico di riaffidamento degli immobili che sono oggetto della controversia sinora irrisolta.

© Riproduzione Riservata

Commenti