turistio in piazza Duomo

Secondo un’indagine di Intesa Sanpaolo, l’Italia è al quinto posto tra le principali destinazioni del turismo mondiale: tra il 2008 e il 2017 si è registrato un incremento del 45% di arrivi di turisti, pari a 60 milioni nel 2017. Molti di essi hanno scelto il Nord, la Lombardia e i grandi laghi dove, nello stesso anno, si sono sfiorati i 27 milioni di presenze di turisti non residenti.

Su queste basi si è tenuto a Garda di Desenzano un incontro “Prospettive del turismo 4.0”, organizzato da Intesa Sanpaolo proprio per analizzare le prospettive del turismo in Italia, con focus sul settore alberghiero e ricettivo del territorio del Garda e della Lombardia, quarta meta turistica in Italia, e per offrire agli operatori del settore nuovi strumenti di competitività: investimenti, crescita nel web e formazione, oltre a valorizzazione delle filiere, destagionalizzazione, ed ecosostenibilità sono emersi quali fattori di sviluppo per un comparto chiave nella crescita dell’economia nazionale e regionale.

Si è parlato di turismo come opportunità di crescita, mettendo a fattore comune esperienze sul territorio, tendenze e prospettive. “Il valore e le potenzialità del turismo come comparto chiave per la crescita del nostro Paese sono ormai un dato acquisito – ha dichiarato Gianluigi Venturini, direttore regionale Lombardia Intesa Sanpaolo  –. L’Italia è un unicum al mondo per patrimonio paesaggistico, storico e culturale. Oggi abbiamo toccato temi fondamentali: le filiere come nuova “frontiera” di collaborazione fra imprese turistiche capofila e fornitori strategici, per caratterizzare sempre meglio le destinazioni turistiche; la destagionalizzazione come obiettivo strutturale nel medio e lungo termine; gli investimenti come scelta necessaria e, non da ultima, l’ecosostenibilità per trainare l’offerta ricettiva lombarda e nazionale verso l’eccellenza”.

Dall’indagine presentata da Intesa Sanpaolo, a cura della Direzione Studi e Ricerche, è emerso che un aumento anche delle presenze (211 milioni nel 2017, quelle dei non residenti, +30% rispetto al 2008), per un grado di internazionalizzazione ormai prossimo al 50%. Il nostro Paese si distingue per un mix vincente di offerta, in cui le località di lago emergono fra i principali attrattori.

Tra le sfide per il futuro riveste sempre maggiore importanza la competitività dell’offerta in un contesto che al Sud vede tra le aree di maggiore attrattività la Sicilia, che a sua volta viene trainata da Taormina, icona del top travel nell’isola.

Una buona quota di imprese ha effettuato investimenti in passato e adesso vuole investire anche per il futuro. Gli investimenti, sia nelle strutture che nei servizi offerti, rappresentano infatti un importante volano di crescita e redditività. Determinante anche il tema della formazione: due terzi delle realtà dichiara di volere investire in formazione del personale, anche per fare fronte al passaggio generazionale, che nei prossimi quattro anni interesserà quattro realtà su dieci. La promozione web si dimostra inoltre fondamentale per agganciare il trend di domanda, soprattutto quella estera, che si presenta più dinamica in previsione e meno stagionale. Due, infine, le leve fondamentali per la crescita individuate dagli intervistati: la disponibilità di finanziamenti a medio e lungo termine e un supporto di consulenza competente rispetto alle specificità del settore turistico.

Intesa Sanpaolo si propone in questi ambiti come interlocutore di rilievo, mettendo a disposizione del comparto alberghiero: Linee di finanziamento dedicate, destinate a investimenti per il miglioramento delle strutture ricettive, supporto specialistico su progetti complessi attraverso il Desk Turismo di Mediocredito Italiano e l’accompagnamento in operazioni di finanza straordinaria grazie alla struttura dedicata a Pmi e midcap nata di recente dalla sinergia fra Banca Imi e Mediocredito e l’accordo triennale di collaborazione con il Mibact che prospetta un plafond di 5 miliardi destinato alla predisposizione di un vero e proprio “Patto per il Turismo 4.0”.

© Riproduzione Riservata

Commenti