un'ambulanza bloccata in contrada Sirina

Il caos viario di Taormina e Giardini prende in ostaggio le ambulanze. Proseguono le lunghe code veicolari in atto sulla SS114 in questi giorni a seguito dell’avvenuta chiusura parziale del casello A18 di Taormina, per lavori urgenti alla galleria interessata da infiltrazioni idriche. A preoccupare in questa fase, oltre ai disagi ormai quotidiani che stanno affrontando i cittadini della zona per spostarsi da Taormina verso Giardini Naxos, Trappitello e la Valle dell’Alcantara, è soprattutto il fatto che tra i vari mezzi che rimangono “imbottigliati” nel traffico ci sono anche le ambulanze.

Si tratta, insomma, di un problema non di poco conto che si sta palesando in un contesto come quello di Taormina e Giardini che non offre alternative in termini di strade percorribili oltre alla SS114 e la Via Umberto di Giardini Naxos. In sostanza, per un’ambulanza che dalla postazione 118 di Ortogrande o dall’ospedale San Vincenzo deve muoversi verso Giardini si stanno riscontrando parecchie difficoltà. Le code partono dal tratto di Capo Taormina, e proseguono lungo il tratto di strada che porta a Villagonia, nella zona della stazione ferroviaria, all’imbocco di Giardini Naxos e poi in Via Umberto.

In diversi casi si è verificato che nel “serpentone” di mezzi incolonnati sia finita anche l’ambulanza del 118. O peggio ancora avviene che non sia dato modo all’ambulanza nemmeno di incolonnarsi verso Giardini perché in contrada Sirina c’è anche la coda di coloro che scendono dalla Via Crocefisso e restano in attesa del deflusso veicolare a Villagonia. La preoccupazione è che questi episodi possano ripetersi in casi di emergenze quando le ambulanze hanno necessità di spostarsi in fretta perché anche pochi minuti possono salvare la vita a una persona.

Anche volendo, ad esempio, in Via Umberto per un’auto è praticamente impossibile farsi da parte e far spazio all’ambulanza. Come detto, non ci sono strade alternative alla viabilità attuale e l’appello che viene lanciato da più parti, ed anche dai cittadini stessi, è che si possa trovare in qualche modo una soluzione d’emergenza per porre un rimedio a questa seria problematica.

La priorità ovviamente è il diritto alla salute di chiunque abbia bisogno nel comprensorio di soccorsi rapidi ed immediati. Al momento, ricordiamo, il casello A18 di Spisone è percorribile regolarmente per chi si muove dalla direzione Catania verso Taormina e ad esempio imbocca il casello di Giardini per recarsi a Taormina. Al contrario non è possibile fruire della rampa che porta da Taormina verso Giardini Naxos. I lavori avviati dal Consorzio Autostrade il 15 ottobre scorso dureranno sino al 30 novembre.

© Riproduzione Riservata

Commenti