Mario Cipollini il 5 ottobre a Taormina

Mario Cipollini, mito del ciclismo italiano, sarà protagonista a Taormina venerdì pomeriggio della Bike Tour, manifestazione a sostegno della Fondazione per la ricerca sulla Fibrosi Cistica-Onlus. Già nella giornata odierna prende il via una quattro giorni di pedalata solidale in Sicilia, da Balestrate a Palermo attraversando Ribera, Agrigento, Scoglitti, Vittoria, Ragusa, Melilli, Catania, Belpasso, poi Taormina, Villafranca Tirrena, Capo d’Orlando e Termini Imerese per 14 tappe intermedie e cinque cene di gala.

Insieme a Cipollini saranno protagonisti della pedalata solidale anche Matteo Marzotto, Presidente della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica Onlus, con altri ciclisti. Ai blocchi di partenza anche Max Lelli, Iader Fabbri, Fabrizio Macchi e il giovane testimonial FFC malato di fibrosi cistica Edoardo Hensemberger.

Ma sarà proprio il “Re Leone”, “Supermario”, oggi 51enne, il grande protagonista della VII Charity Bike Tour. Professionista dal 1989 al 2005, lo sprinter toscano ha vinto il Mondiale su strada del 2002 a Zolder, una Milano-Sanremo, tre Gand-Wevelgem, un E3 Harelbeke, quarantadue tappe al Giro d’Italia, dodici al Tour de France (più una cronosquadre) e tre alla Vuelta a España, aggiudicandosi per tre volte anche la classifica a punti al Giro d’Italia. Un vero e proprio monumento del ciclismo italiano di sempre, per la maestosità e la potenza dei suoi sprint, probabilmente il velocista migliore di tutti i tempi, dominatore negli arrivi in volata durante tutti gli anni novanta e l’inizio degli anni 2000.

La pedalata solidale, organizzata con la media partnership di Sky Sport, quest’anno si snoda sulle strade della Sicilia per accrescere la consapevolezza nei confronti della malattia genetica grave più diffusa, che interessa oltre 2 milioni e mezzo di portatori sani che possono trasmettere la malattia ai propri figli. A Taormina il transito della pedalata solidale dei ciclisti di Bike Tour è previsto in Corso Umberto per venerdì 5 ottobre alle ore 14.

© Riproduzione Riservata

Commenti