la spiaggia di Mazzarò vista dal mare

Settembre da record a Taormina. Nel mese che volge al termine la località siciliana ha fatto registrare un pienone turistico che per tanti operatori economici ha avuto tutto un altro senso rispetto al tradizionale caos da “massa” e del “mordi e fuggi” di agosto (ed in parte anche di luglio).

Tanti turisti stranieri hanno raggiunto in queste settimane la capitale del turismo siciliano, si è registrato il sold out in diversi alberghi ed anche nelle strutture extra-ricettive e le attività commerciali hanno avuto un ottimo ritorno. Senza alcun dubbio a settembre si è visto un movimento di maggiore qualità rispetto alle dinamiche consolidate dell’estate che vedono nel mese di agosto il periodo dei numeri più consistenti ma anche quello della vivibilità messa a dura prova dalle “ondate” senza sosta di gente che affolla il territorio. Ma questa ormai non è una novità e non a caso già da diversi anni numerosi vacanzieri, stranieri ed anche italiani, preferiscono raggiungere Taormina a settembre.

A settembre nelle principali destinazioni turistiche – a Taormina ma non solo – si registra un calo dei prezzi al consumo, diminuiti dello 0,4% rispetto ad agosto, dovuto soprattutto ai ribassi di biglietti aerei e servizi turistici, secondo i dati preliminari dell’Istat.

Chi è partito a settembre, infatti, – sempre secondo quanto evidenzia Istat – ha trovato voli meno cari del 26,2% rispetto a chi ha fatto le classiche ferie d’agosto. E sconti ancora maggiori, rispetto al mese precedente, hanno contraddistinto i pacchetti vacanza nazionali (-29%) e le tariffe di villaggi vacanze, campeggi e ostelli (-26,6%).

Rispetto all’estate del 2017, però, ci sono servizi che hanno visto degli aumenti: i voli sono rincarati dell’11%. Invece, stando ai rilievi Istat, i pacchetti turistici nazionali sono diventati più convenienti, grazie a un calo dei prezzi dell’1%.

Più semplicisticamente, comunque, chi ha raggiunto Taormina lo ha fatto perché, oltre a condizioni economiche più o meno vantaggiose, qui ha trovato i migliori presupposti ambientali. I costi erano più contenuti rispetto al picco di agosto ma c’è anche e soprattutto da evidenziare che Taormina nella versione di settembre è, con molta probabilità, la migliore in assoluto nell’arco di tutto l’anno. Le bellezze paesaggistiche e le temperature estive hanno fatto il resto.

© Riproduzione Riservata

Commenti