l'incrocio tra il casello A18 e Via Garipoli

Arrivano novità nelle valutazioni avviate dal Comune di Taormina per la nuova viabilità nella zona a mare con la previsione di un sistema di rotatorie nell’incrocio tra Spisone (Via Nazionale), il casello A18 e la Via Garipoli. La casa municipale potrebbe avviare già in tempi brevi delle verifiche per accertare la fattibilità dell’iniziativa, alla quale ha già dato sostanziale condivisione d’intenti la Polizia locale, e che verrà valutata anche con enti preposti come Anas e Cas. E, intanto, spunta anche un “piano B”, che prevede l’eventuale realizzazione di una rotatoria anziché due.

I punti nevralgici, come si sa, sono l’incrocio all’altezza della Via Nazionale, dove si incontrano i flussi della zona a mare di Spisone, Mazzeo e i flussi diretti per l’autostrada o per Taormina centro (o che viceversa escono dalla A18 e scendono da Taormina centro per immettersi sulla SS114), e poi l’incrocio poco più a monte che vede incontrarsi in via immediata gli utenti che si dirigono al casello o che dallo stesso sono appena usciti con gli utenti della Via Garipoli. Questo ultimo incrocio, a quanto pare, sarebbe più semplice da riorganizzare con la realizzazione di una rotatoria e ci sarebbero tutti gli spazi a norma di legge necessari per attuare questo tipo di intervento. Più complessa, invece, potrebbe rivelarsi la previsione di una rotatoria nell’incrocio della Via Nazionale, quello appunto all’altezza della SS114 che è più stretto. “Lì, in effetti potrebbe essere più difficile ipotizzare una rotonda per un discorso di spazi abbastanza stretti”, ha confermato il sindaco Mario Bolognari. Le relative verifiche verranno avviate quanto prima, con la consapevolezza che in qualsiasi caso qualcosa andrà fatta per dare un nuovo volto ad una zona dove il traffico veicolare va in tilt ad ogni stagione turistica e nelle giornate di festività anche nel resto dell’anno.

C’è un’esigenza di viabilità ma anche di sicurezza, come sottolineato nella nota inviata all’Ufficio Tecnico comunale dalla Polizia locale. In quel doppio incrocio nei mesi estivi si incontrano, in particolare, i flussi della maggior parte dei 5 mila utenti che vanno a vedere uno spettacolo al Teatro Antico e che poi la sera tardi lasciano Taormina per rientrare a casa, e i flussi continui di chi si muove attraverso il casello di Spisone dell’autostrada A18 Messina-Catania, ed inoltre tutti i bagnanti che affollano le spiagge di Spisone e Mazzeo, senza dimenticare che nella fascia litoranea ci sono anche Mazzarò e Isolabella. Per questo, a supporto del Comune e della Polizia locale di Taormina si rende spesso necessaria nelle giornate estive la presenza degli agenti della Polizia metropolitana di Messina. Si determina, insomma, un incontro di mezzi che non ha alcuna pausa e che mette a dura prova la viabilità locale, talvolta con delle code lunghissime. E’ un problema serio sin qui rimasto irrisolto e non può più attendere altro tempo per una svolta.

© Riproduzione Riservata

Commenti