Dopo tre anni torna d’attualità il “caso acqua” a Trappitello e a riaccendere la discussione è stato l’ex assessore ai Lavori pubblici, Gaetano Carella, con le sue dichiarazioni sulla presenza di acqua marrone nelle abitazioni di Trappitello la mattinata del 7 settembre scorso. Secondo l’attuale assessore alle Opere pubbliche, Enzo Scibilia il problema però è già stato risolto: “Non c’è alcun allarme. Si è semplicemente verificato un problema dovuto all’assenza di energia elettrica per circa 30 minuti ma tutto si è risolto subito, in quella stessa mattinata”.

A rilanciare la discussione, adesso, è di nuovo Carella, secondo cui “non c’è stato un black-out di 30 minuti”: “Mi sorprende la reazione dell’assessore Scibilia, anche perché io non ho lanciato nessun allarme. Ho solo evidenziato che dopo tre anni in cui tutto era andato bene, c’è stato nuovamente un problema di acqua torbida. E chiaro che conosco la problematica, essendo stato l’assessore al ramo sino a poco tempo fa. La verità è un’altra, c’è stato un guasto alle pompe di sollevamento. Nel momento in cui si verifica una condizione di bassa tensione, in sostanza le pompe provano per 10 volte a distanza di pochi minuti a riattivarsi. Se l’abbassamento di tensione persiste, le pompe di sollevamento vanno in protezione per non bruciarsi e, a quel punto, si deve intervenire manualmente. Si sarà, insomma, verificato un problema di mancata notifica del guasto ai reperibili”.

“Nella notte tra il 6 e 7 settembre si sono svuotate le pompe e solo nella prima mattinata delle 7 è stato possibile informare i reperibili, intervenuti subito. E a quel punto, quando è tornata l’acqua nelle case è riapparsa questa acqua torbida. E’ un problema che nella fase finale della passata legislatura avevo cercato di sottolineare, ritenendo che vi fosse e che quindi ancora oggi vi è la necessita di un intervento, anche costoso. Serve una manutenzione con dei lavori per fare sì che la tensione si mantenga allo stesso modo”. E Carella aggiunge: “Questa è la verità che i cittadini devono sapere, non c’è stato black out di 30 minuti e se non si interviene, quel problema potrà ripetersi e accadere di nuovo, tanto più se non arriva la notifica ai reperibili”.

In ogni caso, l’auspicio adesso tra i residenti della popolosa cittadina di Trappitello è che, ad ogni modo, non si riproponga di nuova la vecchia emergenza dell’acqua torbida nei mesi delle piogge, in una vicenda che si era improvvisamente risolta a suo tempo ma sulla quale, in effetti, non si è mai saputo con certezza quale fosse il “misterioso” fattore che determinava la presenza dell’acqua marrone protrattasi ad intermittenza dal 2011 per un periodo successivo di circa cinque anni.

© Riproduzione Riservata

Commenti