Antonio D'Aveni e Salvo Cilona

Duro scontro in Consiglio comunale a Taormina tra l’opposizione e la presidente del Consiglio comunale, Lucia Gaberscek. Nel corso di una movimentata seduta incentrata sul paventato depotenziamento dell’ospedale di Taormina, i consiglieri comunali di minoranza lasciano l’aula e in un documento contestano la gestione del Civico consesso.

“La seduta di Consiglio Comunale di ieri 06/09/18, convocato con odg urgente presentato da noi consiglieri di minoranza sul problema ridimensionamento dell’Ospedale – scrivono i consiglieri di opposizione –, è stato fortemente osteggiato da parte del Presidente del
Consiglio,signora Lucia Gaberscek, e non ha avuto l’esito sperato, che era quello di votare un documento all’unanimità contro il declassamento ed il depotenziamento dell’ospedale di Taormina. La presentazione di quattro interrogazioni a risposta immediata da parte dei Consiglieri di minoranza, D’Aveni, Cilona, Giardina, Raneri, Cullurà, (D’Aveni primo firmatario) e di un odg per fare inserire Taormina nel Fondo previsto per la Magna Grecia, hanno mandato in confusione la signora Lucia Gaberscek, la quale con regolamento alla mano ha risposto in modo molto confuso e inappropriato”.

“La terza interrogazione – continua il comunicato dei consiglieri di opposizione -, riguardava proprio la signora Gaberscek che, ha totalmente glissato l’argomento, quando poteva semplicemente prenderne atto e rispondere entro dieci giorni per iscritto o verbale come prevede il Regolamento. Quando il Consigliere Cilona ha chiesto la parola, dopo i saluti rivolti ai componenti dell’aula e ha chiesto qualche chiarimento, la risposta della signora Gaberscek, con tono dittatoriale, è stata quella che, il consigliere Cilona, non poteva più parlare come da regolamento (non sappiamo a quale regolamento facesse riferimento)”.

“A questo punto – si legge sempre nella nota – il gruppo di minoranza ha preferito abbandonare l’aula e non creare nessuna bagarre. La signora Lucia Gaberscek con il suo comportamento arrogante, non super partes, politicamente inadatto, non garante della minoranza, palesemente a favore della sua maggioranza pensa di intimorirci ed, in virtù del regolamento Comunale, interpretato a suo modo, potrebbe costringerci a non essere collaborativi, per come ci eravamo prefissati, nell’interesse generale della Città.

“Purtroppo – concludono i consiglieri di opposizione – la signora Gaberscek dimentica che il Consiglio comunale è l’unico luogo dove i consiglieri, che sono anche pubblici ufficiali, devono svolgere il loro ruolo pienamente e senza ridicole censure. E’ chiaro che la signora Gaberscek è totalmente inadatta a ricoprire il ruolo di presidente del Consiglio. Ogni qual volta si verificheranno episodi che non ci permetteranno di svolgere il compito per il quale siamo stati eletti metteremo al corrente la cittadinanza. Ci teniamo a precisare che se, ad oggi, si sono svolte due sedute di Consiglio comunale, con la richiesta di convocazione urgente, è stato grazie alla sensibilità dei consiglieri di minoranza, i quali si impegneranno e metteranno sempre al centro dell’attenzione i problemi di Taormina e non faranno sconti su irregolarità ed atti contra legem”.

© Riproduzione Riservata

Commenti