uno dei numerosi blitz di Spiagge sicure 2018 a Taormina

Quasi 60 blitz ed oltre 5 mila articoli sequestrati in due settimane. Sono i numeri più significativi dell’Operazione “Spiagge sicure” che dal 20 agosto scorso ha inflitto a Taormina un duro colpo all’ambulantato selvaggio nel litorale della città ed anche in centro storico. L’operazione contro l’abusivismo commerciale e la vendita non autorizzata che da anni affligge Taormina, sta impegnando la Polizia locale con la collaborazione della Polizia Metropolitana.

Il report dell’iniziativa finanziata dal Ministero dell’Interno con 49 mila euro ha portato sin qui, tra il 20 agosto ed il 4 settembre scorso, a 58 sequestri complessivi. Nello specifico: 41 verbali di sequestro amministrativo nei confronti di ignoti, più 13 verbali di sequestro nei confronti di soggetti noti, ed altri 2 verbali di sequestro penale verso ignoti per contraffazione di marchio con oggetti ad esempio della Rayban, Converse e Adidas.

Ulteriori due verbali di sequestro penale hanno interessato soggetti già noti sempre per la contraffazione di occhiali di un noto marchio. Due persone sono state deferite all’Autorità Giudiziaria nell’ambito dei controlli per il reato di contraffazione e per ricettazione. Altre contestazioni hanno riguardato il reato di (accattonaggio, e poi sono state sanzionate delle massaggiatrici abusive. Un cittadino senegalese è stato anche arrestato in flagranza per resistenza e lesioni a Pubblico ufficiale. Una donna, una cittadina rumena, è stata deferita all’Autorità Giudiziaria per accattonaggio con impiego di minori. Chiedeva infatti l’elemosina con una neonata di 8 mesi nel centro storico di Taormina.

Sono stati complessivamente sequestrati nell’ambito dell’Operazione “Spiagge sicure” 5 mila 344 pezzi (in particolare occhiali, scarpe, vestiti, accessori) per un valore di oltre 12 mila 500 euro. I controlli di “Spiagge sicure”, coordinati dal vicecomandante della Polizia locale, Daniele Lo Presti, proseguiranno anche nei prossimi giorni. La convenzione in essere tra il Comune di Taormina e la Città Metropolitana, e nello specifico la collaborazione tra Polizia locale di Taormina e Polizia Metropolitana, proseguirà sino al 15 settembre.

Nel frattempo il Comune di Taormina si appresta ad inviare al Ministero dell’Interno l’istanza con la quale chiederà una deroga al piano di riequilibrio in atto, per poter ottenere il via libera all’assunzione di alcuni agenti nel Corpo di Polizia locale, dove sono ormai rimasti in servizio per le strade della città soltanto 6 agenti. L’obiettivo è quello di ottenere il nulla osta per assumere almeno 5 o 6 unità da integrare all’organico attuale che è ridotto ai minimi termini da pensionamenti e defezioni varie.

Si tratta di un’esigenza non soltanto di viabilità ma anche inerente l’ordine pubblico in una città come Taormina che nella stagione turistica è stata presa d’assalto – tra giugno, luglio, agosto – da circa 100 mila veicoli diretti ai parcheggi, e dove sono arrivati 35 mila croceristi con oltre 520 mila persone transitate in funivia, che si aggiungono ai tanti turisti giunti nelle strutture alberghiere ed extra-ricettive della zona.

© Riproduzione Riservata

Commenti