Mario Bolognari, sindaco di Taormina

La casa municipale stringe i tempi per la predisposizione del piano di viabilità con Ztl e telecamere che dovrebbe entrare in vigore dalla stagione turistica 2019. Il sindaco Mario Bolognari ha acquisito il parere delle associazioni di categoria, albergatori e commercianti, ma anche di singoli cittadini ed ex amministratori che hanno voluto scrivere al primo cittadino per ipotizzare indicazioni e suggerimenti nell’ottica di un’iniziativa che intende imprimere una significativa svolta sulla circolazione a Taormina.

“Stiamo andando avanti in questo iter certamente molto impegnativo ma che siamo convinti possa realmente determinare un cambiamento positivo nella viabilità e nella vivibilità della città di Taormina – evidenzia il prof. Bolognari -. In questa fase stiamo ascoltando tutti, le associazioni ci hanno trasmesso le loro considerazioni e ho avuto modo di ricevere proposte che riguardano la viabilità. Nelle scorse ore ho incontrato i rappresentanti della società proponente ed anche i vertici del Comando di Polizia locale. Il progetto di massima dovrebbe essere presentato dall’impresa da qui ad un mese circa, poi definiremo il tutto e avvieremo la successiva predisposizione della gara”.

Bolognari ha comunque evidenziato: “La Ztl è un sistema che adatteremo alle scelte che faremo sulla viabilità. A monte di tutto, quindi, verranno le valutazioni che faremo sul piano di circolazione. I sistemi elettronici verranno poi attivati tenendo conto del piano che verrà messo in vigore. Il privato si occupa della parte riguardante gli apparati tecnologici da porre in vigore a supporto del piano di circolazione”.

“Smart mobility management” dovrebbe entrare in funzione, per l’esattezza, dalla primavera del prossimo anno: prima si dovranno espletare le procedure del project financing. Si dovrà fare un bando pubblico a cura dell’Urega, una gara alla quale potrà partecipare, oltre alla proponente, qualsiasi altra ditta. “Se vincerà la gara un’altra impresa, chi vince dovrà ripagare il progetto alla ditta che lo ha proposto”, ha sottolineato il sindaco. Il sistema costerà al Comune circa Un milione 300 mila euro.

Si punta, in sostanza, a decongestionare Taormina dall’assalto di mezzi e di visitatori che si registra soprattutto nella stagione turistica e nelle giornate festive, ma in particolare nelle serate dei concerti, lungo la Via San Pancrazio sino poi alla Via Costantino Patricio. I varchi Ztl in entrata da attivare potrebbero essere 5 e sono destinati a riguardare l’Arco dei Cappuccini, la Via Timeo (dove attualmente c’è già una sbarra), la zona Circonvallazione-Continental, ed inoltre nella zona a mare Mazzeo.

© Riproduzione Riservata

Commenti