spazzattura sul lungomare di Mazzeo

Una montagna da scalare per non incorrere nelle sanzioni della Regione. Il Comune di Taormina si avvia a far partire la raccolta differenziata al tramonto di un’estate in cui molti residenti sembrano ancora ben poco sintonizzati nella prospettiva di un conferimento “armonioso” dei rifiuti. In diverse zona della città, infatti, anche in questi giorni vengono abbandonati cumuli di spazzatura come, ad esempio, nella zona a mare. Eloquente è l’immagine delle piccole montagne di spazzatura visibili in diversi punti del lungomare di Mazzeo. Tra due settimane è previsto il via al servizio della differenziata “porta a porta” che entrerà in vigore dal 3 settembre e che stavolta interesserà anche le frazioni, con particolare riferimento proprio a Mazzeo e Trappitello.

Ancora più impegnativo sarà subito l’esame proprio a Trappitello, che ormai non è più una semplice frazione e si può considerare una cittadina con un incremento demografico che l’ha portata quasi a raggiungere il numero di residenti di Taormina centro. La casa municipale ha ufficializzato il calendario settimanale delle attività di raccolta. Il lunedì sarà dedicata alla frazione organica umida, martedì invece il cartone e la carta, mercoledì verranno raccolti i rifiuti residuali indifferenziati. Ed ancora: giovedì la frazione organica umida, venerdì plastica e lattine e sabato nuovamente la frazione organica umida.

Ad oggi Taormina è ancora sotto il 20% di differenziata e la raccolta “porta a porta” avviata nel settembre 2015 si è fermata solo al centro storico, ma la Perla dello Ionio stavolta dovrà raggiungere almeno il 30% perchè c’è da ottemperare ad una ordinanza del presidente della Regione, in quanto Commissario straordinario sulla raccolta rifiuti che ha disposto per quei Comuni che non raggiungeranno una percentuale adeguata di differenziata che dovranno conferire all’estero i loro rifiuti. Quest’ultima eventualità porterebbe, insomma, ad un disastro economico per i costi che tale operazione imporrebbe.

Comune di Taormina e Mosema si avviano a sperimentare un nuovo sistema di raccolta per provare ad incrementare il livello di differenziata e su questi aspetti si stanno muovendo il sindaco Mario Bolognari ed il vicesindaco Enzo Scibilia. “Informeremo adeguatamente i cittadini circa il calendario settimanale. Chiediamo massima attenzione nella separazione dei rifiuti, un’errata differenziazione vanificherebbe l’impegno di tutti”, fa sapere la Giunta lanciando un appello ai residenti e con l’aspettativa di arrivare nell’autunno 2019 al 40% di raccolta differenziata.

Il conferimento dei materiali potrà avvenire dalle ore 21 del giorno precedente fino alle ore 6 del mattino del giorno di raccolta indicato nel calendario settimanale previsto dal Comune. Separando carta e cartone, plastica, vetri e lattine, scarti di cucina e rifiuti organici in genere, solo qualche oggetto non troverà collocazione tra i rifiuti che si possono differenziare: ad esempio giocattoli rotti, dvd, pannolini, posate e piatti in plastica, pennarelli.

© Riproduzione Riservata

Commenti