Funivia Taormina-Mazzarò
Funivia Taormina-Mazzarò

In aumento le presenze in funivia in questa stagione estiva. L’impianto su fune che collega Taormina centro con la zona litoranea di Mazzarò e Isolabella ha infatti fatto registrare nel mese di giugno 135 mila 539 passaggi nelle otto cabine della strutture. Nel 2017 i passaggi erano stati invece 132 mila 143. Dunque si è registrato un leggero incremento delle presenze (circa 3 mila unità) nell’impianto che rappresenta il “termometro” per eccellenza del turismo a Taormina, sia per quanto concerne le presenze dei turisti che pernottano nelle strutture della città sia anche per il movimento “mordi e fuggi”. Va ricordato che lo scorso anno vi fu il 26 e 27 maggio il G7 a Taormina, che per motivi di sicurezza (unitamente alla concomitante sostituzione anche della cabine) ha tenuto allora chiuso l’impianto per la quasi totalità di quel periodo, mentre poi a giugno la funivia fu regolarmente aperta nell’arco di tutto il mese. Il 2018 sembra poter superare, almeno nei dati di giugno, l’anno del G7.

Nel 2017 la funivia di Taormina ha fatto registrare ben 887 mila passaggi nelle cabine e il dato pare destinato ad essere raggiunto e probabilmente anche superato in questo anno, soprattutto se le statistiche di luglio e agosto si confermeranno all’altezza delle aspettative. Si tratta di indicazioni positive, ovviamente, anche per l’Azienda Servizi Municipalizzati e per il forziere dell’ente di contrada Lumbi, che da sempre ha avuto nella funivia una fonte di introito strategica. Soddisfazione per i dati di questa prima fase della stagione turistica è stata espressa dall’ing. Sergio Sottile, direttore d’esercizio della funivia ed anche dal Comandante Agostino Pappalardo, commissario liquidatore dell’Asm. Nei mesi scorsi, per altro, la funivia è stata sottoposta a una serie di ulteriori interventi di manutenzioni che hanno inteso ottimizzare il funzionamento complessivo della struttura, rendendola più moderna ed anche più sicura in oggetto agli standard richiesti dalle vigenti normative.

© Riproduzione Riservata

Commenti