Palazzo dei Giurati, sede del Municipio di Taormina
Palazzo dei Giurati, sede del Municipio di Taormina

“Ripetuta morosità”: con questa motivazione il Comune ha disposto la revoca immediata dei suoli pubblici per due locali di Taormina ritenuti non in regola con il pagamento dei tributi e nello specifico dei canoni Cosap. Gli atti sono stati formalizzati dalla casa municipale nei confronti di due attività site in pieno centro storico con due determine a firma del responsabile di Area (Servizio Commercio e Attività Produttive), il dirigente Massimo Puglisi. Il provvedimento disposto da Palazzo dei Giurati è di “immediata rimozione di qualsiasi manufatto e ripristino immediato del suddetto suolo, entro giorni 5 (cinque), dall’avvenuta notifica del presente atto, alla ditta interessata”.

Nel caso di uno dei due locali, a suo tempo nella passata legislatura c’era stato l’avvio del procedimento per la decadenza del suolo in concessione per ripetuta morosità con diffida e messa in mora ma, ciò nonostante, si è concretizzato soltanto il pagamento di qualche acconto ed è così scattata la conseguente azione adesso da parte del Comune che ha deciso per la revoca del suolo. Si tratta di un noto ristorante al quale la regolare concessione per l’occupazione dell’area, antistante il proprio esercizio commerciale, fu rilasciata nel 2007. C’erano state, in tal senso, delle rateizzazioni su cui è stata versata solo una prima rata. Le morosità comprendono rate del 2014 e 2017 e la suddetta ditta “non ha provveduto neanche a versare, alle scadenze indicate, il canone di concessione dovuto per l’esercizio in corso 2018”.

Revoca per ripetute morosità anche per un secondo ristorante (concessione di suolo datata anno 2014), la cui società titolare dell’attività è risultata debitrice verso l’Ente sui Canoni Cosap 2015, 2017 e 2018. Entro i prossimi 30 giorni le società destinatarie dei provvedimenti potranno adesso produrre deduzioni difensive e fare ricorso al Giudice di Pace competente territorialmente.

© Riproduzione Riservata

Commenti