l'ex vicepresidente del Consiglio comunale, Vittorio Sabato

“La nuova Amministrazione comunale non dimentichi Trappitello, dove c’è ancora l’opportunità di far finanziare la super strada di collegamento con Taormina centro che potrebbe determinare una svolta per la viabilità dell’intera città”. Lo afferma Vittorio Sabato, l’ex vicepresidente del Consiglio comunale, che in una nota si rivolge agli attuali vertici di Palazzo dei Giurati e dopo la sconfitta elettorale del 10 giugno rende “l’onore delle armi” al nuovo Esecutivo.

“Alla nuova Amministrazione va intanto un saluto e l’augurio sincero di buon lavoro – evidenzia Sabato -, conosco il sindaco Mario Bolognari, ho lavorato con lui in passato, quindi gli auguro di fare bene. L’auspicio è che, alcune importanti progettualità per lo sviluppo del territorio possano essere riprese e portate a compimento. Tra queste l’iter per la strada veloce Taormina-Trappitello, per la quale mi sono battuto per tanti anni ottenendo l’abbattimento dei costi dal vecchio progetto, impossibile in precedenza da realizzare perché richiedeva un impegno pari a circa 100 milioni di euro e poi ridimensionato all’attuale opera che costerebbe invece 12 milioni di euro, con relativo finanziamento che c’è l’opportunità di far arrivare a Taormina e potrebbe essere intercettato nel Masterplan”.

“L’altro auspicio è che l’Azienda Servizi Municipalizzati non torni in mano alla politica e che non venga vanificato tutto quanto ha fatto il liquidatore Agostino Pappalardo, il cui operato ha portato quest’azienda ai risultati migliori di sempre. A suo tempo sono stato l’unico ad opporsi al trasferimento a Reggio di Pappalardo ed è motivo di orgoglio averlo trattenuto qui, perché è il miglior dirigente del Comune”.

“Le recenti elezioni hanno premiato altri – conclude Sabato – ma rimane l’orgoglio personale della mia storia personale e politica. Nella mia vita ho fatto tanti sacrifici e credo di aver fatto tanto, nel campo professionale ed in quello politico. Ho la consapevolezza di aver fatto tante cose per Trappitello, una frazione che oggi è ormai diventata una cittadina, alla quale a suo tempo ho donato la piazza Falcone-Borsellino, ricordando che mi sono attivato in passato anche per far avviare l’iter del campo da golf che speriamo possa essere completato. Ricordo anche di aver contribuito alla ristrutturazione della Delegazione di Trappitello e la battaglia sostenuta per la riapertura del ponte Santa Venera, facendo causa a mie spese al Consorzio Autostrade Siciliane (costi per 15 mila euro), e poi i lavori nella piazza Santa Venera, e l’avvenuta rimozione dei pali pericolosi dell’Enel”.

© Riproduzione Riservata

Commenti