riprende il tormentone del nuovo regolamento dei suoli a Taormina

Il Comune di Taormina riavvia l’iter per il nuovo regolamento dei suoli pubblici e a riaccendere i riflettori su quella che viene definita “una priorità ineludibile per il commercio in città” è la consigliera comunale Alessandra Caltabiano, già presidente della Quarta Commissione Consiliare nella passata legislatura e che potrebbe tornare già nei prossimi giorni a presiedere la nuova composizione della relativa commissione. Un incontro tra la consigliera e il neoassessore alle Attività Produttive, Andrea Carpita si è svolto nelle scorse ore proprio per iniziare ad affrontare l’argomento del regolamento da portare a Palazzo dei Giurati nei prossimi mesi.

“La stagione turistica ovviamente è già in corso e bisogna guardare oltre, puntando cioè ad approvare il nuovo regolamento e farlo entrare in vigore nella stagione 2019 – ha detto Alessandra Caltabiano – ma stavolta è un obiettivo che non si può fallire e non ci potranno essere altri rinvii come tante volte è avvenuto già in passato. Bisogna liberare piazze, vicoli e marciapiedi invasi da tavoli, sedie e paramenti vari che hanno ormai impedito il passaggio ai pedoni e rappresentano un serio problema da affrontare e risolvere una volta per tutte. Vedremo giù nei prossimi giorni quale sarà l’intendimento complessivo dei consiglieri comunali su questa vicenda ma è chiaro che bisogna assumersi stavolta la responsabilità di fare questa riforma del regolamento dei suoli pubblici, disciplinando i criteri di concessione”.

Nel nuovo regolamento si ripartirà dalla concessione che dovrebbe avvenire rilasciando ai richiedenti la concessione un metraggio di suolo pubblico che sia uniforme tra l’ampiezza interna di cui dispone il locale e lo spazio esterno richiesto. Si punta a mettere un freno ed imporre anzi uno stop alle sperequazioni che si sono viste in tanti casi sinora. Allo stesso modo si dovrà affrontare pure la problematica dei vari locali che operano nello stesso settore e si trovano spesso a farsi una concorrenza “spietata” a pochi metri di distanza, con il rischio di relativi momenti di tensione.

La possibile approvazione di un nuovo regolamento dei suoli pubblici interessa oltre 500 attività distribuite su tutto il territorio comunale che detengono aree esterne e spazi pubblici dati in concessione dal Comune di Taormina. Sono escluse, comunque, almeno per il momento alcune ipotesi per i prossimi mesi come un eventuale ritiro momentaneo di tutte le varie concessioni, soluzioni caldeggiata in passato dalle vecchie amministrazioni ma di difficile percorrenza anche in termini normativi, così come si era vociferato anche di un possibile condono del Comune – che a quanto pare non ci sarà – verso alcune attività che nel tempo non hanno ottemperato a tutti i relativi pagamenti di canone concessorio verso l’ente locale.

© Riproduzione Riservata

Commenti