Rossana Carrubba, Segretaria generale Comune di Taormina
Rossana Carrubba, Segretaria generale Comune di Taormina

Mentre si va verso la stretta finale per le nomine della nuova Giunta, a Palazzo dei Giurati si comincia anche a parlare della riorganizzazione dell’apparato dirigenziale in vista dei prossimi cinque anni. Il sindaco Mario Bolognari ha già incontrato i responsabili di area del palazzo, invitandoli a poter lavorare in sinergia e chiedendo un confronto assiduo sul lavoro da portare avanti nell’ambito della macchina amministrativa.

Il nodo da sciogliere sul quale Bolognari prenderà quanto prima una decisione riguarda soprattutto la posizione del segretario generale, dott.ssa Rossana Carrubba. L’attuale city manager di Palazzo dei Giurati è arrivata al Comune di Taormina nell’ottobre 2016 per volontà dell’Amministrazione dell’allora sindaco Eligio Giardina. Nei suoi 21 mesi alla guida dell’apparato burocratico taorminese la dott.ssa Carrubba si è fatta apprezzare per l’impegno profuso e per le capacità professionali ed umane messe in campo. Anche nei primi colloqui con il nuovo sindaco ha dato massima disponibilità alla collaborazione.

Per quanto concerne il ruolo di segretario generale si tratta, però, di una nomina di carattere fiduciario, legata cioè alla volontà del sindaco pro-tempore. Adesso, quindi, dopo le elezioni del 10 giugno e con l’avvenuto cambio di Amministrazione bisognerà capire se Bolognari vorrà confermare l’attuale segretario generale o se, invece, si affiderà ad un altro funzionario. In questo ultimo caso verrebbe avviata, come da prassi, apposita procedura con il Ministero dell’Interno.

Il nuovo primo cittadino, già nei mesi scorsi, era propenso in caso di sua elezione ad effettuare un avvicendamento, andando cioè ad individuare una nuova figura da portare al Comune di Taormina e a cui affidare questo incarico dirigenziale. Le prossime settimane saranno cruciali per una sostituzione della segretaria o per una conferma. Lo scenario al momento è ancora fluido e aperto ad entrambe le possibili decisioni. La decisione su questo importante ruolo solitamente viene presa entro i 100 giorni dall’insediamento del sindaco: non si esclude però che l’esito della vicenda possa anche slittare a fine estate o magari ad autunno inoltrato (ad ottobre) anche perché a breve scadenza il Comune dovrà subito affrontare alcune questioni cruciali, a partire dal contenzioso con Impregilo ormai prossimo all’ennesimo scontro in Cassazione.

© Riproduzione Riservata

Commenti