Cristiano Ronaldo, stella del Portogallo

Multe in arrivo fino a 500 euro in arrivo a Taormina per gli operatori economici che, in occasione delle partite dei Mondiali di Calcio utilizzeranno schermi rumorosi e posizioneranno le tv verso l’esterno nel tentativo di attrarre i turisti creando assembramenti di gente in strada. Lo ha deciso la Polizia locale di Taormina con apposita ordinanza firmata ieri dal Comandante Agostino Pappalardo, sulla base di una nota trasmessa al Comune dal Commissariato di Polizia di Stato di Taormina.

“In occasione dei Campionati Mondiali di Calcio, Russia 2018 al via oggi – spiega Pappalardo -, molte attività, anche al fine di soddisfare le richieste dei propri clienti, metteranno a disposizione negli spazi di cui sono in possesso di relativa concessione di suolo pubblico, apparecchi audiovisivi al fine di permettere agli stessi avventori di seguire le competizioni sportive. Il Commissariato di Polizia di Stato di Taormina, ha comunicato in data odierna (ieri, ndr) di impedire la possibile formazione di assembramenti, nelle adiacenze delle concessioni di suolo pubblico”.

Dunque, durante lo svolgimento dei Mondiali, ai titolari di attività, che posizioneranno le tv negli spazi autorizzati alla concessione di suolo dovrà essere vietato che gli schermi dei suddetti apparecchi, siano rivolti verso l’esterno dell’attività, in direzione delle zone di transito e/o passeggio.

Come se non bastasse l’assenza dell’Italia dalla competizione, nella capitale del turismo siciliano incombe, insomma, un’altra beffa per gli appassionati di calcio. E, come detto, le sanzioni scatteranno pure per chi metterà in funzione schermi televisivi troppo rumorosi. “Gli stessi titolari di attività, ove prescritto – evidenzia l’ordinanza -, dovranno munirsi per l’utilizzo dei predetti apparecchi audiovisivi di tutte le autorizzazioni previste dalla normativa vigente e dovranno assicurare che i propri clienti non arrechino disturbo alla quiete pubblica”.

Ai trasgressori sarà applicata la sanzione amministrativa pecuniaria che va da un minimo di €.25,00 ad €.500,00 (art. 7 Bis c. 1, del D.Lgs. 267/00). L’ordinanza avrà efficacia dal 14 giugno 2018 fino alla conclusione dei Mondiali, la cui finale è prevista per domenica 15 luglio. L’ordinanza, insomma, al di là delle importanti e ineludibili prescrizioni sull’ordine pubblico è destinata, di riflesso, a riaccendere l’eterno dibattito da tanti anni in essere a Taormina tra chi concorda con una città più quieta e silenziosa e chi invece vorrebbe una Perla dello Ionio più “movimentata” come negli anni d’oro della movida.

© Riproduzione Riservata

Commenti