Carla Santoro, preside dell'Istituto Comprensivo di Taormina

Nuovo capitolo nella vicenda dell’iter per il previsto trasferimento delle scuole elementari nell’immobile delle Suore Francescane di Via Pirandello. Sulla questione interviene, infatti, la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo 1, Carla Santoro, secondo la quale l’incarico conferito nei giorni scorsi dal Comune per la verifica sismica dell’edificio sarebbe avvenuto “tardivamente” e la trattativa tra le parti si sarebbe nuovamente arenata ed anzi “saltata”.

“Mi risulta che le Suore Francescane abbiano chiuso la trattativa – afferma la dott.ssa Santoro -. Non posso rivelare le mie fonti. Credo che l’avvenuto affidamento dell’incarico ad un professionista sia stato troppo tardivo. Non vorrei che, pertanto, il fatto di aver disposto le verifiche sismiche fosse un modo per prendere tempo. Vorrei ricredermi”.

“Chiedo che il contratto venga firmato prima del 10 giugno – continua la preside -. In tal caso sarò la prima a ricredermi e ne sarò felice. Dopo due anni di trattative non si può più parlare di tempi tecnici. E’ un’offesa all’intelligenza dei cittadini”. Chiedo che i consiglieri comunali facciano un accesso agli atti per verificare lo stato effettivo delle cose”.

Il Comune di Taormina, ricordiamo, nei giorni scorsi ha affidato all’architetto Salvatore Mondello, professionista messinese, l’incarico di procedere alle attività di indagini strutturali presso l’Istituto Santa Maria del Gesù Redentore, di proprietà delle Suore Francescane che la casa municipale vuole prendere in locazione (usufrutto) per i prossimi 6 anni. Per l’incarico al professionista è stata prevista un’apposita spesa in bilancio di 10 mila 500 euro.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti