controlli della Polizia locale di Taormina

Controlli in atto “a macchia di leopardo”, su tutto il territorio, della Polizia locale di Taormina per la spinosa situazione dei suoli pubblici. In attesa della nuova legislatura e di un nuovo regolamento, le cui valutazioni spetteranno all’Amministrazione comunale che si insedierà dopo il 10 giugno, gli agenti della Polizia locale stanno effettuando in queste ore, e già diversi giorni, una serie di controlli che potrebbero portare ad alcune revoche di concessioni. I sopralluoghi hanno interessato e stanno continuando a riguardare le varie attività commerciali in possesso di autorizzazioni per il suolo pubblico. A Taormina la questione interessa complessivamente circa 500 attività, a vario titolo in possesso di relative concessioni da parte dell’ente locale.

Gli accertamenti, come detto, si stanno sviluppando su tutto il territorio e la Polizia locale, a quanto risulta, ha riscontrato alcune concessioni non più in regola in quanto ritenute gravemente pregiudizievoli della viabilità cittadina. Nel mirino delle verifiche della Polizia locale sarebbero finiti, tra gli altri, alcuni noti locali di Taormina. La Polizia locale ha già inviato, ed in alcuni casi si appresterebbe a trasmettere, al Suap (Sportello Unico Attività Produttive) una decina di richieste di revoca anche parziale delle singole concessioni ai fini di una rivalutazione delle stesse eventualmente da effettuare anche di concerto tra gli uffici preposti della casa municipale e gli imprenditori interessati.

Altre situazione sarebbero al vaglio e potrebbero tradursi in ulteriori istanze di richiesta di revoca dei suoli. Una delle problematiche principali è quella di alcune strade, alcune vie e marciapiedi dove tavoli e sedie andrebbero a complicare o impedire il passaggio anche dei pedoni, con relativo pregiudizio per la viabilità. Secondo le verifiche in atto andrebbe posta in essere una rivalutazione del contesto sociale e di viabilità in cui i permessi ricadono. Le attività di controllo intraprese fanno seguito anche ad un esposto indirizzato di recente da un cittadino alle Forze dell’Ordine locali ed alla Procura di Messina. Si stanno, insomma, attuando una serie di controlli su quelle che vengono ritenute delle “anomalie” presenti su alcune concessioni comunali, in quanto, in alcuni casi, rilasciate parecchi anni fa e che adesso potrebbero, perciò andare incontro ad un esame aggiornato dei permessi a suo tempo accordati dal Comune al fine di verificare se tale permesso può essere confermato.

© Riproduzione Riservata

Commenti