Andrea Raneri e Mario Bolognari

L’ex vicesindaco di Taormina Andrea Raneri ha reso noto che alle elezioni del 10 giugno voterà per il candidato sindaco de “La Nostra Taormina” Mario Bolognari. La comunicazione data da Raneri conferma, dunque, i rumors di questi giorni e sancisce ufficialmente la convergenza esterna su Bolognari da parte del leader di “Prospettiva Nuova”, la cui candidatura a sindaco e presentazione della lista a suo sostegno erano saltate in extremis.

Raneri si era dimesso dalla Giunta Giardina il 19 febbraio scorso, ha dato vita quindi alla compagine “Prospettiva Nuova”. Ma, come detto, la sua candidatura è sfumata in extremis e nel corso della campagna elettorale si è registrato il mancato ticket politico con il candidato sindaco di Taormina Bellissima, Salvo Cilona, ed infine la spaccatura del tavolo politico di Mazzeo dove si era prospettato un accordo proprio tra Raneri e la coalizione allora retta da Antonella Garipoli.

“Dalla lettura dei programmi dei tre candidati – afferma Raneri -, dai loro curricula, dai principi e dalle motivazioni che hanno determinato le mie dimissioni da vicesindaco dell’amministrazione uscente, che sono stati bene evidenziati nella mia lettera di dimissioni, chiedo agli elettori che credevano nel mio progetto per la città di votare il candidato sindaco Mario Bolognari”.

“La lista che mi sosteneva come candidato sindaco – ha inoltre detto Raneri -non è stata presentata per senso di responsabilità e coerenza a quanto da me sempre sostenuto circa la condizione imprescindibile di esperienza amministrativa, competenza e preparazione della Giunta”. “Prospettiva Nuova” resta fuori dal Consiglio comunale ma non dalla vita politica della città”, ha aggiunto l’ex vicesindaco della Giunta Giardina.

© Riproduzione Riservata

Commenti